Ferrari, ti devo delle scuse

Home / Formula 1 / Ferrari, ti devo delle scuse

Gran Premio di Montecarlo 2017: Vettel primo, Raikkonen secondo. Ferrari ti devo delle scuse

Tre anni fa, di questi tempi, scrissi un post feroce su queste stesse pagine, intitolato “Ferrari, l’arte di essere infelici”. Non era un post particolarmente pesato nè intelligente: anzi, era unicamente lo sfogo arrabbiato di un tifoso deluso e il commento critico di un piccolo addetto ai lavori che stava assistendo ad un campionato di Formula 1 inconsistente. Non ero infastidito dalla mancanza di risultati, quanto piuttosto dalla mancanza di direzione apparente, di guida sostanziale, di una qualsivoglia bussola. Non fui garbato e la tirata d’orecchi non mancò ad arrivare. Era una tirata d’orecchie dall’alto, dall’altissimo. Venni chiamato a Maranello, a vedere le facce concentrate e le mani industriose di coloro che avevo criticato tanto severamente, a visitare i luoghi in cui centinaia di persone ogni giorno lavoravano con passione e orgoglio. Mi venne chiesto che opinione avessi della mediocrità ferrarista da me tanto vituperata.

Gran Premio di Montecarlo: trionfo della Ferrari!

f1-vettel-monaco

Gran Premio di Montecarlo trionfo di Vettel, Raikkonen e Ferrari

Tre anni dopo, questa stessa Ferrari festeggia una storica doppietta monegasca. Qualcosa di impossibile, che non si vedeva dai tempi che furono e che, se possibile, vale persino più di un campionato.

Formula 1, Gran Premio di Montecarlo

Vettel primo, Raikkonen secondo, le Mercedes giù dal podio in un weekend dominato in ogni fronte, meccanico, psicologico e di carattere. Perfetta la macchina, perfetti i piloti, perfetto lo staff, perfetto anche il muretto, perchè -come diceva Enzo Ferrari– “quando si fa primo e secondo io non tollero lamentele”.

Intendiamoci bene. La Ferrari non ha vinto niente, ancora, in termini assoluti. Persino l’attuale gap nei confronti di Hamilton e delle Frecce D’Argento significa poco in ottica mondiale: gli anglo-tedeschi sono dietro l’angolo e il Campionato è lunghissimo. Però si può dire senza tema di smentita che finalmente l’infinito crepaccio che separava la stella di Stoccarda del Cavallino è stato richiuso. Ora ce la giochiamo.

Di nuovo, si faccia attenzione. Non è Mercedes ad avere fatto passi indietro, o ad essersi seduta sugli allori. Ferrari a parte, il resto del gruppo è dove era l’anno scorso, se non più indietro. Red Bull, Force India, Williams, Renault e compagnia ancora pagano un dazio assoluto importante nei confronti delle Silberpfeil (certo, con l’eccezione monegasca di Ricciardo). È il Cavallino, ad avere fatto un salto in avanti importante.

È giusto, oggi, dare a Cesare quello che è di Cesare, celebrando il grande lavoro che Ferrari ha fatto negli ultimi due anni, consapevoli di quanto sforzo, quanto impegno e quanto lavoro comporti il progresso di questa Formula 1 super tecnologica e velocissima. Merito di Vettel, merito di Arrivabene, merito di Marchionne, merito di Binotto, poco importa. Nessuno vince da solo, specie in una Squadra Corse da 700 persone.

Scrissi all’epoca che serviva un’idea, una strategia e un po’ di coraggio. Che era necessario uscire dalla mediocrità. Semplicemente, non mi accorgevo che quel percorso era già iniziato: era solo più lungo del previsto.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Emanuele Venturoli
Communication Manager per RTR Sports. Appassionato di motorsport, musica e tech.

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.