April 22, 2017 Switch to English Version

Le geografie del racing: cosa cambia per gli Sponsor MotoGP e F1

Home / MotoGP / Le geografie del racing: cosa cambia per gli Sponsor MotoGP e F1

Sponsor MotoGP: cosa sta cambiando

Questa settimana il paddock della MotoGP si sposta sulle rive del Rio Hondo, in Argentina, per la seconda tappa del Motomondiale 2017. La gara argentina è l’ultima addizione in nel calendario della stagione  di MotoGP 2017 che oggi conta 6 gare extraeuropee su 18 appuntamenti del mondiale.

Questi nuovi Gran Premi stanno non solo ridisegnando le geografie di sport che nascono come prevalentemente paneuropei, ma anche contribuendo a potenziare le strategie commerciali e l’appeal delle discipline nei confronti di aziende sempre più internazionali.
Oltre ad un incremento della popolarità dello sport in sè, infatti, l’ampliamento del raggio d’azione dei Campionati è un passo importantissimo per gli sponsor della MotoGP e della Formula 1, che vedono incrementata la portata di questo strumento di marketing.

sponsor motogp

sponsor motogp

Non è infatti un caso che le massime serie del motociclismo e dell’automobilismo mondiale vengano definite “piattaforme di marketing e comunicazione itineranti”: proprio in questa definizione si sostanzia una delle principali differenze fra essere uno sponsor della MotoGP o, ad esempio, della Serie A di calcio. Cerchiamo di capire perchè.
Abbiamo visto in precedenti occasioni proprio su queste pagine che la sponsorizzazione MotoGP è uno strumento utile per le aziende per raggiungere una pletora di obiettivi differenti, che spaziano dalla brand awareness all’engagement, dalla conquista di nuovi mercati ad un migliore brand positioning. È evidente ai più che ad obiettivi diversi debbano corrispondere declinazioni diverse del medesimo concetto di sponsorizzazione sportiva. Proprio in questi termini è necessario ragionare quando si confrontano, ad esempio, le differenti potenzialità di una sponsorizzazione MotoGP o Formula 1 e quella, sempre per esempio, del Campionato di Basket Italiano.

Potresti essere interessato ai seguenti articoli: L’equivoco del Pass Paddock: perchè non si può comprare, Cos’e il MotoGP Vip Village, Cos’è la sponsorizzazione sportiva e a cosa serve;

Se infatti per raggiungere obiettivi di Brand Awareness uno dei requisiti fondamentali è quello della grande visibilità della disciplina sponsorizzata, ciò non è altrettanto vero per aziende che abbiano altri scopi strategici.

Tuttavia, brand o industrie che perseguano scopi di marketing più relazionale, o di B2B o di engagement diretto con il consumatore, debbono scegliere strategie di sponsorizzazione che li portino direttamente sul campo, in territori altri o nuovi. In tal senso, club di calcio o pallacanestro che necessariamente giocano all’interno di una sola nazione, non possono essere tanto efficaci quanto campionati di profilo ultranazionale che ogni due weekend toccano non solo Paesi, ma addirittura continenti diversi.

Sponsor MotoMondiale: visibilità worldwide

Si pensi ad esempio ad uno sponsor MotoGP. Il Gran Premio di Argentina dà l’opportunità all’azienda di ingaggiare di prima mano i propri consumatori in loco, ma anche i propri influencer e stakeholders, coinvolgendoli in attività di hospitality, di sampling o di comunicazione (contest, concorsi, promozioni).

Pochi giorni dopo la medesima attività può essere replicata negli Stati Uniti, poi in Spagna, poi in Italia e così via, andando nazione per nazione a metter in campo azioni di marketing molto mirate e dall’alto ritorno sull’investimento. Tutto questo, come è evidente da questa pur banalizzante esemplificazione, è difficilmente accessibile a chi si lega a campionati non itineranti o nazionali.

Sponsorizzazione MotoGP: comunicazione “mobile”

In sostanza, essere parte di una piattaforma di comunicazione “mobile”, che fisicamente sposta il suo baricentro e i suoi protagonisti a migliaia di chilometri di distanza ogni weekend, è per brand e companies un vantaggio di straordinaria importanza per conquistare nuovi mercati ed andare ad effettuare operazioni di ingaggio diretto di potenziali consumatori.
Questo è vero evidentemente non soltanto per aziende che fanno del B2B il loro principale business, ma anche per gruppi che -pur godendo di già straordinaria Brand Awareness- hanno necessità di essere sul territorio per interloquire maggiormente con tifosi ed appassionati, offrendo loro esperienze più forti e più impattanti di un marchio visto in TV o su una rivista.

È il caso di numerosi sponsor MotoGP, come possono essere alcuni Energy Drink, o di alcuni partner della Formula Uno, che in ogni tappa organizzano eventi, wow-moments, incontri con i fan e occasioni di entertainment e prova del prodotto.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Luisella Curcio
Seo, Sem e Social Media Strategist.

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.