In Formula 1, Marketing Sportivo
  • ALONSO – 9,5
    Non gli si può dare 10 per il semplice fatto che il sabato della Ferrari rimane ancora complicato. A parte questo, in giornate come questa l’asturiano è una delle cose più belle che si siano mai viste su un circuito. Il doppio sorpasso alla Curva 3 è commovente per eleganza, coraggio e uso del Kers. Preso il largo, gestisce con astuzia e senza cali di concentrazione. Matador.
  • Raikkonen – 8
    La seconda parte di carriera del finlandese pare addirittura più brillante della prima. La Lotus non è male ma Iceman ha classe da vendere. Dopo una bella partenza e avere capito che Alonso non si prende, corre una gara intelligente e consistente come il suo mondiale. Di ghiaccio.
  • Massa – 7+
    Correre in Ferrari accanto a Fernando Alonso non è semplice e il brasiliano ha spesso ricevuto numerose critiche. In Spagna corre una gara da scudiero dopo un via eccellente. Ha una buona macchina e non sbaglia niente.  Con un po’ di coraggio in più forse si poteva prendere Raikkonen, ma va bene così. Ci serve.
  • Vettel – 6-
    C’era? L’avete visto? Il leader mondiale disegna una gara insipida e a tinte pastello. La Red Bull non sarà un granchè in Catalogna ma non è certo un ferrovecchio. Al box sbagliano la strategia e lui non ci mette del suo.  Silenzioso.
  • DiResta – 7
    Con una macchina certamente inferiore alle Big, conquista un settimo posto di tutto rispetto ed è al settimo posto anche nel mondiale. Non sarà stupefacente, ma è un buon pilota. Alla via così. 
  • Rosberg – 6+
    Partire dalla pole e arrivare sesti non è indice di una gara strepitosa. Il tedesco, tuttavia, riesce in parte a limitare i danni e a mettere il muso davanti alla Force India. Ha fatto una qualifica straordinaria, ma in gara non va. Si corre domenica.
  • Hamilton – 4
    Perde dodici posizioni dodici e non mi dite che la Mercedes va più piano di Force India, Sauber e Toro Rosso. L’inglese spera di andare sul podio ma quando vede che non è la sua domenica si abbatte e abbandona letteralmente la contesa rimediando una mezza figura. Non è un atteggiamento da campione del Mondo e da lui ci si aspetta di più. Vero, la macchina non è granchè ma lui certamente non la sta migliorando. Brutta roba.
  • Ricciardo – 6,5
    Il patron della Red Bull Racing dice che l’anno prossimo Daniel prenderà il posto di Webber. Speriamo, perchè il ragazzo è energico, costante e sta più e più volte infastidendo i grandi con una Toro Rosso onesta ma non superlativa. Interessante 
  • Button – 5/6
    Mi spiace per l’inglese, ma di più proprio non si può dargli. Decidete voi se la colpa sia della macchina o sua o del caso, ma 17 punti in 4 gare sono un po’ pochi per qualcuno che guida una McLaren e che è stato campione del Mondo. Non ci sta mettendo niente, ma proprio niente, di tutta la sua classe. Pare non aver più fame, ed è un enorme punto a sfavore. Bah. 
  • Perez – 5
    Se il messicano è un prodigio, potete dirgli che siamo qui ad aspettare un segnale. Nono ieri, undicesimo nel mondiale, in entrambi i casi dietro ad un compagno di squadra che sta dando il 10% del potenziale. Fate voi, a me non piace. La Stagione è già cominciata. 
  • Hulkemberg – 4
    Centra un innocentissimo Vergne nella corsia Box, per la serie “Signora scusi non l’avevo vista”. Sarebbe da 3, ma il siparietto delle Prove Libere, quando viene fermato per l’alcol Test dalla polizia locale sulla strada per il circuito è un piccolo capolavoro. Sveglia. 

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Moto 2 - motoGP GP Le Mans France - Race start