In MotoGP

rossi_marquez

Valentino Rossi è di nuovo sulla cresta dell’onda, almeno per quello che riguarda il morale. Il ‘dottore‘ era reduce da un lungo e difficile periodo senza vittorie, ma le ultime tre performance nel mondiale MotoGP hanno decisamente riacceso la voglia di vincere e di mettersi in mostra del pluricampione del mondo.

Prima ad Assen, in Olanda, è arrivato il ritorno alla vittoria dal sapore liberatorio, visto il lunghissimo digiuno che affliggeva il pilota italiano per quanto riguardava il primo gradino del podio. Poi, due terzi posti in Germania e negli Stati Uniti, col sorpasso su Cal Crutchlow al quarto posto della classifica mondiale, ed un sensibile riavvicinamento al terzetto di testa tutto spagnolo, composto da Marquez, Pedrosa e Lorenzo.

[pullquote1]”Marquez ha talento. Ma ho visto un sacco di piloti talentuosi non vincere niente – Rossi”[/pullquote1]Insomma, Rossi al settimo cielo e con la voglia di fare il punto su quella che potrebbe essere di fatto l’apertura di una nuova fase della sua carriera. Ed infatti in un’intervista alla stampa tedesca, Rossi ha parlato principalmente del rapporto con le sue squadre del passato e del futuro, emettendo un giudizio piuttosto lapidario. Ovvero, secondo il pilota italiano passare in Ducati è stato uno sbaglio che ha finito col rendere più povera di successi la sua carriera, mentre con il passaggio in Yamaha è riuscito di nuovo a trovare una sua dimensione ideale in pista, e a ritrovare la sua moto, quella che in passato gli aveva permesso di cogliere numerosissimi successi.

L’intervista, rilasciata alla testata Speedweek, è destinata a far discutere soprattutto per le ruvide critiche riservate alla Ducati, accusata di essere una scuderia chiusa, molto poco abituata ad ascoltare e valutare i pareri dei piloti. Al contrario della Yamaha, dove Rossi ha affermato di sentirsi libero di esprimersi a trecentosessantagradi: un idillio che spazza via anche tutte le eventuali voci di mercato, che vedevano possibile un passaggio alla Suzuki del ‘dottore’ nella prossima stagione. Un’ipotesi che non si concretizzerà, visto che Rossi ha pubblicamente espresso la volontà di continuare a gareggiare in sella alla sua Yamaha.

Infine, un passaggio anche sull’amico-rivale Marc Marquez. “E’ un ragazzo intelligente e velocissimo, ma deve crescere. Troppo spesso corre oltre il limite, rischiando di diventare pericoloso. Marc guarda ancora alla MotoGP con un lato giocoso, ed è bello, ma se vuole puntare al titolo deve alzare il livello. Ha talento, questo nessuno lo discute, ma ho visto tantissimi piloti talentuosi che non hanno vinto niente”.

Redazione RTR Sports
 Pictures from the web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

kevin_schwantz_8hCaseyStoner