In Calcio, Sport News

La partita più attesa della stagione è alle porte. Domani la Juventus giocherà allo stadio San Paolo la sfida scudetto contro il Napoli nell’anticipo della 27ima giornata di serie A.In settimana ci sono state polemiche contro la designazione arbitrale: “Non è bello parlare delle designazioni perché l’unico che ha l’autorità per farlo è Braschi. Noi siamo molto sereni. Dispiace perché si trovano sempre occasioni per fare polemiche anche da parte di ex addetti ai lavori. Ci dev’essere sempre fiducia nell’operato degli arbitri e di chi designa. C’era ostracismo nei confronti di Rizzoli ma avevamo la massima fiducia in lui come su Orsato. Ovvio che sbaglino e ci si può arrabbiare. Per questo ho pagato in passato ma questo non vuol dire che non ho fiducia negli arbitri. Chi vince è perché è il più forte e quello che conta è il responso del campo. E in campo ci vanno i giocatori”.

Avete avuto più di una settimana per preparare la sfida di domani:
“I percorsi tra quest’anno e lo scorso anno sono inevitabilmente diversi perché abbiamo la Champions League. Noi anche questa settimana non abbiamo preparato solo la sfida con il Napoli ma anche quella con il Celtic di mercoledì. Alcune volte le sfide vengono cadenzate male, nel caso delle tre gare in una settimana, altre volte vengono cadenzate bene. Ovvio che preferiamo la situazione di quest’anno perché siamo in corsa per l’Europa e per lo scudetto. E’ una bellissima sensazione, sapendo che ci sono molte più difficoltà e che magari potremmo pagare dazio. La Juve arriva sempre al 100% ad ogni match. A volte il responso del campo ci dà ragione, altre volte no. Ma noi ci prepariamo sempre per dare il meglio”.

Chiellini è pronto per giocare?
“Valuteremo oggi. Sta bene, ha recuperato, ma voglio parlare con lui prima di prendere qualsiasi decisione. Io posso avere un pensiero ma deve collimare con il pensiero del giocatore e con quello che in testa della squadra. L’importante è che Giorgio sia uscito da questo brutto momento. Intanto colgo l’occasione per fare gli auguri a Pepe, lo aspettiamo quanto prima. L’ho chiamato e gli ho fatto gli auguri anche ieri subito dopo l’operazione”.

Tre punti con il Napoli:
“Prima della gara con il Siena ho espresso un concetto molto semplice: i tre punti contro i toscani valgono come quelli di domani sera. Domani ci apprestiamo a giocare una bella partita, tosta, come quella contro il Milan o in casa dell’Inter e della Lazio. Una delle tante finali per arrivare al traguardo che ci siamo preposti. Quella di domani è una gara come le altre anche perché il campionato non finisce domani qualsiasi risultato arriverà dal campo. Ci sono ancora 11 partite. Noi l’anno scorso partivamo da due settimi posti mentre il Napoli s’era attrezzato per fare la Champions. Noi anno scorso partivamo nettamente dietr4o il Napoli ai nastri di partenza. Noi avevamo solo il campionato e la coppa e abbiamo fatto meglio vincendo lo scudetto. Ovvio che con lo scudetto sulla maglia porta ad essere favoriti rispetto a loro, ma i partenopei sia a luglio che a gennaio è intervenuta sul mercato e può dire la sua per lo scudetto. E’ uscita prematuramente dall’Europa League ed è attrezzata per il titolo. L’unico giudice è il campo. Vedremo chi è più forte tra noi e loro. Che vinca il migliore”.

Per il Napoli è LA partita? “Questa non è una partita come le altre nel senso che è una partita contro una di quelle sei o sette squadre che si sono attrezzate per lo scudetto. Ci sarà il Milan day, l’Inter day, la Lazio day, ecceetera. Ma la soddisfazione è aver di nuovo spostato l’attenzione su di noi e la cosa ci rende orgogliosi e contenti. Il Napoli? Dovresti chiedere a Mazzarri. Non posso permettermi di dire cosa può pensare il mister”.

Vantaggio risicato hai avuto paura dopo Roma? “C’era dispiacere perché dopo la sconfitta dev’esserci sempre dispiacere. Se affronti sconfitte con il sorriso vuol dire che sei pronto a riceverne altre. Non abbiamo pensato a chi inseguiva e a quanti punti potevano rosicchiarci. Guardiamo sempre in casa nostra”.

Quagliarella che fine ha fatto?
“Si sta allenando e appena lo vedrò pronto lo farò giocare”.

I partenopei devono vincere a tutti i costi per tenere acceso il lumicino della speranza mentre ibianconeri hanno a disposizione due risultati su tre: a Napoli vedremo Juve più attendista?
“Noi abbiamo un nostro modo di giocare a pallone sia in casa che fuori casa. Cechiamo di fare sempre un calcio propositivo sapendo che alcune volte gli avversari non te lo permettono. Domani spero che i miei facciano un’ottima gara, sapendo che di fronte troveremo una squadra forte che cercherà di fare altrettanto il suo gioco”.

Andrea Bonino – Calcionews 24

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt