In Formula 1

alonso_vergne_abudhabi

Con il Gran Premio di Abu Dhabi, come noto, il Mondiale di Formula 1 2013 ha trovato ufficialmente il suo campione: Sebastian Vettel. Ma qualche “premio di consolazione” ancora deve essere assegnato nei GP che mancano alla fine dell’anno. La rincorsa della Ferrari al secondo posto di Alonso tra i piloti e della scuderia nella classifica dei costruttori, però, rischia di essere compromessa dalle difficoltà proprio del pilota spagnolo di Maranello che ad Abu Dhabi ha subito un incidente le cui conseguenze si fanno sentire.

Durante la gara, infatti, Alonso ha effettuato un vero e proprio “volo” sul cordolo nell’effettuare il sorpasso a Jean-Eric Vergne che, secondo i dati della telemetria, ha sottoposto il pilota a una forza superiore ai 25 G, quando il limite di sicurezza è fissato in 15G. In questi casi, scatta automaticamente la procedura voluta dalla FIA che impone al pilota alcuni accertamenti clinici.
Dopo la gara, quindi, Alonso è stato accompagnato in ospedale e ha trascorso una notte in osservazione, cancellando così il volo di rientro precedentemente programmato.
Dal punto di vista medico tutto sembrerebbe andato per il meglio, ma il manager del pilota ha lasciato trapelare alcune notizie meno tranquillizzanti, mettendo in dubbio la presenza del suo assistito al GP di Austin, in Texas, in programma dal 15 al 17 novembre.
La Ferrari, da parte sua, ha smorzato i toni, specificando che le conseguenze dell’incidente sono limitate al forte dolore e non ad altri problemi fisici.

In questo scenario manca, a questo punto, il punto di vista del diretto interessato che, come sua abitudine, ha affidato il suo pensiero a Twitter. Attraverso il social network il pilota asturiano ha ringraziato tutti i tifosi per l’interessamento e per i messaggi di supporto, sottolineando, però, di aver passato una notte “così così” e promettendo di tornare presto al 100%. A calmare ancor più le acque sono arrivate anche le indiscrezioni del giornalista tedesco di Auto Motor und Sport Michael Schmidt, che ha lasciato intendere che l’allarme del superamento dei 25G sia scattato per un errato posizionamento del sensore.

Redazione RTR Sports
Picture from the web
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
sebastian Vettel Yas MarinaCaterham Brutus 750