F1: Clamoroso Sauber. Colin Kolles rivela “Anche Bianchi aveva un contratto per il 2016”

 In Formula 1

jules bianchi f1Jules Bianchi avrebbe potuto essere al volante di una Sauber in questo 2015. La straordinaria rivelazione arriva dal’ex manager HRT Colin Kolles, durante un’intervista alla TV austriaca Servus sulla faccenda Van Der Garde. L’olandese, alla prima gara del 2015 a Melbourne, aveva portato la scuderia svizzera in tribunale, accusandoli di non avere onorato il loro contratto.

Tuttavia, ha dichiarato Kolles, “Non c’erano semplicemente tre contratti firmati. Ce ne erano sei”. Oltre a quelli con Felipe Nasr, Marcus Ericcson e Giedo Van Der Garde, Sauber aveva probabilmente già firmato anche con Adrian Sutil, con Esteban Gutierrez e con lo stesso Jules Bianchi. Stando alle parole di Kolles, il contratto con il francese, era addirituttura stato siglato pochissime ore prima dell’incidente di Suzuka.

“Esiste un contratto fra Jules e la Sauber firmato a mezzogiorno della domenica” ha raccontato l’ex HRT, spiegando che tale firma avrebbe parzialmente allontanato alcuni dei debiti della Scuderia. Bianchi era infatti in ottimi rapporti con Ferrari, motorista del team svizzero, mentre Gutierrez e i suoi numerosi sponsor messicani avrebbero dato una grande mano alla situazione economica.

Kolles ha anche aggiunto: “Io non riesco a capire il comportamento di Monisha. Non puoi semplicemente vendere una macchina, farci i soldi, poi sei mesi dopo venderla a qualcun’altro. Io ritengo che avere firmato 6 piloti per il 2015 fosse una mossa assolutamente calcolata per risolvere i loro problemi finanziari. Si sarebbero occupati del problema dei piloti in un secondo momento”.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
hamiton-champagne-grid-girlKimi-Raikkonen-Ferrari-pit-stop