In Formula 1, Marketing, Marketing Sportivo, Motomondiale, Motorsport

Il nuovo muso della Lotus, caratterizzato dalla doppia sporgenza asimmetrica, è stato dichiarato assolutamente legale da Charlie Whiting della FIA.

La soluzione aerodinamica studiata dal team nero-oro, che è asimmetrica proprio per rientrare in una piega del regolamento 2014 ha “superato i crash test e aderito alla lettera alle richieste espresse nelle nuove regole” almeno nelle parole di Whiting.

“Certo – ha proseguito l’uomo della FIA- l’approccio è indubbiamente singolare, e diverso da quello di tutte le altre squadre, ma è un’interpretazione corretta. Vi dirò di più, avevano presentato il progetto del muso in estate e ci abbiamo pensato per settimane ma non abbiamo trovato nulla di irregolare. Al contrario, è una interpretazione molto intelligente delle richieste”.

Le diverse soluzioni all’anteriore sono state motivo di chiacchiera dentro e fuori dal paddock sin da quando i primi rendering delle monoposto 2014 sono stati presentati, ma James Allison, progettista della nuova Ferrari F14T continua a sostenere che l’architettura del muso non sia così cruciale.

“Ci sono un sacco di soluzioni, tutte diverse, che funzionano alla stessa maniera. Cambia davvero poco fra l’una e l’altra, in termini di prestazioni, non è certo lì che si farà la differenza” ha detto riferendosi al muso della nuova rossa, già paragonato ad un aspirapolvere.

Redazione RTR Sports
Pictures from the web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
f1-redbull-rb10-tests-inlinemirco-lazzari-motogp