In Formula 1, Marketing, Marketing Sportivo, Motorsport, Sponsor

È stato un 2013 da dimenticare per la Ferrari: il primo a sostenerlo è il presidente Luca Cordero di Montezemolo, che in una lunga intervista rilasciata al TG1 ha tracciato un bilancio della stagione appena conclusa e che ha visto Sebastian Vettel e la Red Bull dominare in lungo e in largo, soprattutto nella seconda parte del campionato con la bellezza di 9 vittorie in altrettanti gran premi.

Montezemolo non risparmia critiche a nessuno, a cominciare dai tecnici e dagli ingegneri della Casa di Maranello, colpevoli di non aver saputo sviluppare la F2013: in effetti, dopo le vittorie di Alonso in Cina e in Spagna a inizio stagione, la Ferrari non è stata più in grado di tenere il passo delle Red Bull e solamente la bravura  del pilota spagnolo ha permesso al Cavallino Rampante di artigliare qualche podio.

[pullquote1]”Alonso può dire quel che vuole su Twitter, basta che non parli della Ferrari”-Montezemolo[/pullquote1]A detta di Montezemolo, va bocciata anche la Pirelli che ha cambiato gli pneumatici a metà campionato, favorendo notevolmente la Red Bull e danneggiando la Ferrari che con i materiali in kevlar ha perso un po’ di competitività. Negativo anche il giudizio nei confronti di Felipe Massa, che a inizio anno sembrava in ripresa ma poi non ha saputo fornire prestazioni costanti nell’arco dell’intero campionato costringendo, a causa del suo scarso rendimento, la Ferrari a cedere alla Mercedes (dove entrambi i piloti, Hamilton e Rosberg, hanno saputo arrivare tra i primi) il secondo posto nella classifica costruttori.

Ma la stoccata più pesante è forse quella che il Presidente riserva per Fernando Alonso e le sue già discusse capacità comunicative. “Vorrei la smettesse di parlare della Ferrari su Twitter – ha detto Montezemolo – Alonso come chiunque può dire quello che vuole su Internet, ma quando si parla del Team, le comunicazioni escono dal Team”.

Più volte durante questa stagione Alonso aveva usato l’uccellino più famoso del web per comunicare urbi et orbi le proprie intenzioni, sensazioni e condizioni di salute, creando più di una gatta da pelare all’ufficio stampa del Cavallino e a tutto lo staff. In particolare, l’asturiano aveva usato Twitter per lamentare lo scarso sviluppo della vettura 2013 e la pochezza del mezzo a sua disposizione rispetto alla concorrenza.

Redazione RTR Sports
Pictures from the web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
Valentino-Rossi-2014Tonino Lamborghini Android Smartphone Antares