In Formula 1

Kimi-Raikkonen-Ferrari-pit-stop

Dopo appena tre gare, non solo Sebastian Vettel è riuscito ad inserirsi in classifica fra i due piloti Mercedes, ma ha anche fatto segnare più del doppio dei punti del suo compagno di squadra Kimi Raikkonen.

Tutto ciò suggerirebbe che, se il tedesco -pur con una macchina inferiore- dovesse avere qualche chance di lottare per il titolo mondiale, Ferrari si troverebbe a dovere adottare il vecchio approccio di definire chiaramente i ruoli dei piloti ‘numero 1’ e ‘numero 2”. Ma il team principal Arrivabene ha detto che Raikkonen continuerà ad avere uguali diritti.

“Gli daremo tutto il supporto necessario di cui ha bisogno,” è citato da Autosprint, “e non voglio sentir parlare di ordini di scuderia.  Quando sono arrivato a Maranello ho visto le vecchie regole di ingaggio, e ho fatto alcuni cambiamenti in presenza di entrambi i piloti e dei loro ingegneri di pista – in modo che tutti fossero informati. L’unica regola in vigore è quella della matematica”, ha insistito Maurizio Arrivabene.  La Gazzetta dello Sport riporta anche queste sue parole: “Fino a quando entrambi sono in gara per il titolo, Seb e Kimi sono liberi di combattere tra loro, ma non di causare problemi.”

 

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recommended Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
jules bianchi f1ecclestone_bahrain