F1: Perchè fischiare il dominio Vettel. Singapore e titoli di coda.

 In Formula 1

singapore vettel 2013

I fischi all’indirizzo di Sebastian Vettel alla fine del Gran Premio di Singapore sono manifestazione che va analizzata e da cui -è opinione di chi scrive- si possono trarre importanti considerazioni sullo stato della Formula 1 moderna. E’ palese che, se i fischi in questione tengono più banco della gara stessa, c’è quanto meno un problema di competitività nel Mondiale in corso.

La gara di ieri, noiosetta a voler esser schietti, è durata 346 metri, ovvero la distanza necessaria a Sebastian Vettel per mettere tutta la lunghezza della sua vettura davanti a quella di Nico Rosberg. Eliminata la pratica della prima curva, il tedesco ha fatto gara a sè, creando da subito un gap incolmabile. Gara di Singapore nel cassetto, mondiale chiuso, apriti cielo. Facendo la matematica, non fosse entrata la Saftey Car, Vettel avrebbe probabilmente vinto con qualcosa di molto simile al minuto e mezzo di vantaggio sul secondo. Chissà.

Nonostante sia difficile pensare ad un dominio più schiacciante nella storia dell’automobilismo, Vettel non piace, la Red Bull non piace e sia il pilota teutonico sia la monoposto austro-britannica raccolgono ad ogni uscita l’equivalente verbale di un gettito di verdura mista a teatro. Sebastian fa spallucce, Horner lamenta la poca sportività del pubblico prima di Monza poi di Singapore, Webber e Newey se ne chiamano fuori.

Nel frattempo da più parti si levano ipotesi complottistiche e singolari teorie del favoreggiamento. I più fantasiosi speculatori del web urlano all’inganno, in una presa della Bastiglia virtuale in cui Horner e Newey hanno ricevuto il compito di costruire una mitica vettura super partes e super regolamento e Vettel ricopre il ruolo del pupazzo pagato per fare da capro espiatorio ad un clima malato e doppiogiochista. E’ come il wrestling, si legge da qualche parte, è una soap opera, chiosano.

Occorre aprire gli occhi. 

Certamente dotato di un mezzo superiore a quello degli altri, Sebastian Vettel ha comunque dimostrato in quest’anno di essere divenuto pilota pressochè perfetto. Lo dimostrano l’assenza di errori, la continuità di risultati, la totale capacità di isolarsi dal contesto, la conoscenza metodica dei propri punti di forza. Ecco perchè ieri, a costo di rimetterci mezza ala anteriore, ha voluto con forza stare davanti a Rosberg alla prima curva: era ben consapevole che sarebbe riuscito a scavare un divario considerevole su Alonso solo con pista libera davanti. Detto, fatto.

Vettel non piace, la Red Bull non piace, ma è inutile stare a menare il can per l’aia: al momento l’accoppiata è ben più che imbattibile. Sta proprio facendo un altro sport. Non c’entra la Malesia, la Turchia del 2009, il classico ditino alzato a ricordare la vittoria, non c’entrano gli estremismi tecnici di Newey, non c’entra il “Multi 21”. O meglio, c’entra tutto, e quindi niente.

Vettel non piace come non piacciono i campioni freddi e onnipotenti, quelli che sorridono ai fischi e che hanno sempre parole calme e misurate. Non piacciono quelli che non fanno mistero di volere vincere per forza e di essere assolutamente consci della propria superiorità in alcune occasioni, tanto da compiere gesti apparentemente privi di empatia. Come togliersi casco e guanti prima della fine delle qualifiche. O come chiedere come siano andate le elezioni in terra tedesca appena giunto in conferenza stampa dopo il triplete di Singapore.

Però non c’è trucco, e non c’è inganno, nella superiorità del team dell’energy drink. E nel dominio del ventiseienne tedesco, che ieri ha mandato i titoli di coda su questo Mondiale, comandato come mai era successo prima.  Non serve fischiare. Non perchè sia poco sportivo (certo, anche), ma perchè significa avere gli occhi chiusi sulle imprese di un pilota straordinario, alla guida di una vettura straordinaria. Ci si aspetta di più dai tifosi di uno sport affascinante e ricco di valori come la Formula 1. Ci si aspetta che i campanilismi e il tifo per i propri beniamini non si tramutino in sberleffi e fischi nei confronti del vincitore.

Siamo ai titoli di coda. Il cinema sta per chiudere e le luci in sala iniziano ad alzarsi. E’ tempo per tutti di tornare a casa, in silenzio.

By Emanuele Venturoli
RTR Sports Marketing
Pictures from the web

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Showing 2 comments
  • Gianluca
    Rispondi

    E’ possibile che abbia ragione sullo straordinario talento di Vettel. Onestamente, vorrei vederlo girare su un’altra macchina prima di incensarlo come campione.
    Non basta il distacco abissale inflitto a Webber in quasi ogni occasione. Non vuol dire che la RB ostacoli il suo secondo pilota, ma di sicuro favorisce la sua prima guida. Se c’è un comportamento dell’auto che piace a Webber e non piace a Vettel non ho dubbi di come la squadra decida di comportarsi.
    Rimane anche il fatto che alcune decisioni della federazione sono quantomeno discutibili. Concordo nel dire che non sono state prese con l’intento di favorire la RB, ma di fatto è quello che è successo.
    E’ tra l’altro indubbio che la RB ha dimostrato in più occasioni di non tenere particolarmente al allo “spirito sportivo” che adesso invoca a gran voce. Più volte ha violato il regolamento, cavandosela con un buffetto comminato da una federazione in imbarazzante carenza di credibilità.
    La RB si è più volte fatta beffe degli avversari, stringendo accordi che poi violava sottobanco. Qualcuno ricorda la FOTA, o serve una rinfrescata alla memoria?
    La cosa davvero incredibile è che la squadra abbia fatto tutto questo pur non avendone bisogno, in quanto la loro competitività sarebbe stata comunque al vertice. Perché dunque?
    In conclusione, c’è un motivo se la RB non piace e Vettel che ne è il front man deve subire la contestazione del pubblico. Forse non è tutta colpa loro, ma non hanno fatto nulla per meritare di meglio.

    • Emanuele
      Rispondi

      Gianluca, concordo con la tua risposta, che ha il pregio di essere argomentata e dotata di buone fonti. E’ un piacere conversare con persone così competenti e spero di esserne all’altezza.
      Certamente Red Bull ha sempre tenuto un comportamento border line come team, nel senso che molte volte si è mossa in zone grigie del regolamento, con buona pace di appassionati e avversari. Newey è un prima un coraggioso di un genio: ci ha provato, molte volte gli è andata bene o gliela si è fatta andare bene (musi gommati e via discorrendo). Hanno osato negli ultimi anni come nessuno e non sono certamente usciti da un’acquasantiera.
      Meno comprensibile, secondo me, è la questione Webber. Insomma, ma a noi che ne cale di che ruolo ha Webber dentro il garage Red Bull? Una cosa è certa: in questi quattro anni le ha sempre prese dal compagno di squadra e persino ieri al momento della esplosione del motore era a 50 secondi da Vettel. Forse avrà una monoposto “B”, rispetto a quella di Sebastian, ma immagino tutti i piloti di F1 vorrebbero essere al posto suo: è comunque al volante di un missile ultracompetitivo.
      Come ho detto nell’articolo: comprendo siano antipatici (neppure io li adoro) ma i fischi non mi piacciono in nessun caso. Proviamo che si stanno comportando in maniera poco regolare e poi potremo dire quel che vogliamo. Fino ad allora stanno vincendo in pista e amo pensare al pubblico della F1 come ad un pubblico di appassionati di motori e di sportivi, non di canzonatori da paese.
      Sul fatto poi che sarebbe bello vedere Vettel su una (invento) Lotus o una Sauber per capirne la vera cifra tecnica concordo (anche se vinse su una Toro Rosso): sarebbe una bella sfida.

      Grazie di averci scritto. Spero di sentirti presto.

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
raikkonen Singaporealonso webber singapore