In Formula 1, Marketing, Motorsport, Sponsorizzazioni Sportive, Sport News, Sports Marketing, Sports Partnership

sebastian vettel red bull racing Chi segue la Formula 1 da qualche tempo, sarà abituato alle decisioni anche un po’ repentine che apportano modifiche e cambiamenti di anno in anno. Questa volta, però, ben pochi si sarebbero immaginati che dalla mente di Bernie Ecclestone e dei vertici della FIA uscisse una vera e propria rivoluzione in termini sportivi. Il cambiamento introdotto all’indomani della riunione della Federazione Internazionale a Parigi, di per sé, è semplicissimo: l’ultimo GP della stagione 2014 metterà in palio il doppio dei punti normalmente assegnati ai piloti che tagliano per primi il traguardo. I suoi effetti, però, sono quelli di un vero e proprio terremoto che possono mettere in discussione, nell’ultimo appuntamento della stagione, quanto di buono raccolto in tutti i precedenti Gran Premi.

Per capire la portata del possibile cambiamento, basti pensare che se ci fosse già stata questa regola, i Mondiali 2008 e 2012 sarebbero finiti in Ferrari e, nell’albo d’oro Felipe Massa e Fernando Alonso avrebbero un titolo iridati in più a dispetto di Lewis Hamilton e proprio di Sebastian Vettel. Un particolare, quest’ultimo, sottolineato dallo stesso pilota tedesco della Red Bull, che non ha esitato a manifestare tutto il proprio dissenso nei confronti di quella che, secondo lui, è una regola assurda.

[pullquote1]Provate ad immaginare se all’ultima partita di Bundesliga si assegnassero doppi punti. Non vi sembrerebbe strano? – Vettel[/pullquote1]Il quattro volte campione del mondo, in una intervista alla Bild, ha fatto il paragone con il calcio chiedendo di provare a pensare cosa succederebbe se l’ultima giornata di campionato assegnasse il doppio dei punti in caso di vittoria. La regola, secondo Vettel, penalizza il lavoro svolto durante tutto l’anno, perché la costanza dimostrata in tutta la stagione potrebbe essere messa in discussione per via di una sola gara in cui, si sa, anche un solo piccolo inconveniente dovuto alla sfortuna, può far andare male le cose.

Insomma, l’innovazione introdotto per il Mondiale 2014, proprio non è andata già al dominatore delle ultime 4 stagioni, che si è dichiarato fedele alle vecchie tradizioni della massima serie del Motorsport e, per questo, basito davanti alla nuova regola del doppio punteggio.

Redazione RTR Sports
Pictures from the web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
Bernie Ecclestone BayernLB Bankfernando-alonso