In Hockey

martin-st-louisA metà circa del secondo turno di playoff NHL non si può che esserne soddisfatti, da un punto di vista dello spettacolo. Dimenticatevi il fattore campo, il seeding e quanto scritto sulla carta. Quanto visto nell’ultima settimana di gioco conferma ancora di più l’impossibilità (o quasi) di fare un pronostico ragionato. Nessuna delle serie, se vogliamo, ha seguito un andamento “logico”. Perché dove si pensava che il vantaggio del campo contasse, ecco che è successo tutto il contrario; e dove si pensava di avere nettamente una favorita, ecco che invece il vantaggio del pubblico amico galvanizza i teoricamente inferiori. E, tra una vittoria in trasferta e uno shutout, ecco un breve resoconto di quanto visto finora nelle semifinali di conference.

Boston-Montréal 2-2. Sulla carta i Bruins avevano un netto vantaggio, vista anche la condotta nella regular season. E invece, almeno fino al secondo periodo di gara 2, sono stati i Canadiens ad avere dalla loro l’inerzia della serie. In gara 1 hanno dominato nettamente i Bruins, ma solo sul piano del gioco: Montréal ha retto bene e ha portato a casa una combattuta vittoria al secondo overtime. Gara 2, invece, ha avuto l’andamento speculare: controllo Montréal fino al terzo periodo, poi quattro reti dei Bruins in un amen hanno ribaltato il risultato. Le altre due partite, giocate in Canada, non sono state da meno in quanto a equilibrio: i Canadiens hanno controllato e vinto gara 3, ma sudato e perso in gara 4, dove l’eroe all’overtime è stato il rookie Matt Fraser, al debutto in carriera nei playoff: suo l’unico goal della partita. Gara 5 domani (sabato) a Boston.

Pittsburgh-NY Rangers 3-1. La serie più sbilanciata delle quattro, dal punto di vista del punteggio. Eppure, in partenza, sembrava l’ennesimo ribaltone: in gara 1 i Rangers hanno saputo cogliere una preziosissima vittoria in trasferta per 3-2, dopo essersi bruciati un vantaggio di due reti. Da allora i Penguins hanno preso in mano la serie e costruito un consistente vantaggio con tre vittorie consecutive (di cui due fuori casa), mandando New York sul filo dell’eliminazione, e gara 5 in casa rappresenta un invitante match-point. Sidney Crosby si è finalmente sbloccato segnando una rete in gara 3, mentre il portiere Fleury ha risposto alle critiche mosse di recente al suo gioco con due shutout consecutivi. Buona parte dell’esito della serie è dovuto anche allo zoppicante power play dei Rangers, che finora ha sparato a salve (0/15 nella serie). Gara 5 questa notte (venerdì) a Pittsburgh.

Chicago-Minnesota 2-1. Anche in questo caso, teoricamente, la serie non sarebbe dovuta essere difficile per gli Hawks, vista la caratura dei due roster. Ma data l’impresa del primo turno, i Wild non erano squadra da sottovalutare. E così difatti si sono dimostrati. Se le prime due comode vittorie (5-2 e 4-1) in casa da parte di Chicago lasciavano presagire una serie a senso unico, la vittoria con shutout ottenuta dai Wild in gara 3, di prepotenza, con quattro reti nel terzo periodo, ha rimesso tutto in discussione. I Wild continuano quindi ad essere imbattuti in casa in questi playoff, e un’eventuale vittoria anche in gara 4 potrebbe influire pesantemente sul morale degli Hawks. Gara 4 si gioca stanotte (venerdì) a Minneapolis.

Anaheim-Los Angeles 1-2. Dove il giocare in casa conta meno di zero (anche per l’irrisoria distanza tra le sedi delle due squadre): tre partite e tre vittorie degli ospiti. In gara 1 e 2 i Kings, guidati dai soliti Kopitar e Gáborík, hanno ripreso dove avevano lasciato nel primo turno, portando a 6 la loro striscia di partite vinte consecutive. Kopitar è andato a punti in tutte e 10 le partite giocate e con 15 punti si trova in testa la classifica marcatori dei playoff, mentre Gáborík, con 6 reti, comanda la classifica apposita insieme a Jussi Jokinen (Penguins). In gara 3 invece i Ducks si sono ripresi, con l’inossidabile Teemu Selänne (4 punti nelle ultime 4 partite) a guidare la carica. Gara 4 domani (sabato) a Los Angeles.

Ma in questi giorni non si parla solo di playoff NHL: a Minsk, in Bielorussia, sono cominciati oggi i Campionati Mondiali IIHF, la cui finale è prevista per domenica 25 maggio. Al torneo partecipano 16 squadre, divise in due gironi all’italiana da otto squadre l’uno. Al termine, le prime quattro passano alla fase a eliminazione diretta, con quarti di finale incrociati (prime contro quarte, seconde contro terze), semifinali e finali per le medaglie, mentre la peggiore di ogni girone viene retrocessa nel gruppo 1A, dal quale sono già state promosse per l’anno prossimo Slovenia e Austria. Nel gruppo A abbiamo Canada, Danimarca, Francia, Italia, Norvegia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Svezia, mentre il girone B è composto da Bielorussia, Finlandia, Germania, Kazakistan, Lettonia, Russia, Svizzera e USA. Anche nei gironi preliminari non è previsto il pareggio: nel caso si procede con la disputa dell’overtime e dei tiri di rigore. 3 punti per una vittoria ai regolamentari (0 per la sconfitta), 2 per una vittoria all’overtime o agli shootout (1 per la sconfitta).

Come tutti gli anni il torneo si sovrappone ai playoff NHL, quindi le maggiori nazioni non si presentano a ranghi completi. Questo rende il torneo piuttosto imprevedibile, e difatti già la prima giornata di gioco ha prodotto una sorpresa incredibile: il Canada, tra gli indiscussi favoriti in ogni torneo di hockey, è stato sconfitto alla Francia, seppur solo ai rigori, per 3-2. Protagonisti della partita i due ex-NHL transalpini, ossia il portiere Cristobal Huet (campione nel 2010 con Chicago) e l’attaccante Stéphane Da Costa (due goal in power-play). Negli altri incontri di oggi, comode vittorie per Russia e USA (su rispettivamente Svizzera e Bielorussia), mentre i cechi hanno battuto i cugini slovacchi 3-2 (in rimonta) al supplementare (con goal del pareggio di Jágr a due minuti dal termine, a proposito di “inossidabili”).

Domani (sabato) alle 12.45 ora locale, l’esordio dell’Italia contro la Norvegia. Il primo turno si concluderà martedì 20.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt