In MotoGP, Motomondiale, Motorsport, Sport News, Sports Marketing

alvaro_bautista_austinLa MotoGP riaccende i motori questo fine settimana nella “capitale mondiale della musica live”, Austin: il 13 aprile è infatti in programma la seconda tappa stagionale, il Grand Prix of the Americas, sul suggestivo tracciato che sorge alle porte della città texana, famosa in tutto il mondo per la vivace scena musicale e per i concerti che si susseguono senza sosta. L’avveniristico Circuit of the Americas, progettato dal noto architetto Hermann Tilke, è entrato nel calendario della MotoGP lo scorso anno colpendo subito positivamente la maggior parte dei piloti per i suoi saliscendi e il particolare mix tra veloci cambi di direzione e parti più guidate.

Il Team GO&FUN Honda Gresini guarda alla trasferta negli Stati Uniti con grande ottimismo: nonostante la caduta a due giri dal termine del Gran Premio del Qatar, Alvaro Bautista è convinto di poter replicare l’ottima competitività messa in mostra durante la gara di apertura, mentre Scott Redding, risultato il miglior rookie a Losail grazie a un’eccellente settima posizione, tenterà di confermarsi il più veloce tra i piloti in sella alla Honda RCV1000R “Open”.

Alvaro Baustista: “Nonostante la caduta, il weekend di gara in Qatar è stato decisamente positivo, perciòa arriviamo in Texas carichi di energia. A differenza del 2013, quando abbiamo corso qui per la prima volta, quest’anno possiamo già contare sui riferimenti dello scorso anno, anche se quello di Austin rimane comunque un tracciato complicato da interpretare al meglio. Dovremo lavorare bene per trovare un buon set-up che consenta di affrontare bene sia la prima parte veloce, caratterizzata da tanti cambi di direzione, che quella più guidata, dove si trovano tre o quattro curve molto strette. La scorsa stagione abbiamo sofferto molto, non essendo riusciti a trovare un buon compromesso, ma quest’anno possiamo contare su una base migliore, quindi siamo fiduciosi. L’obiettivo è provare a stare tra i più veloci sin dal primo turno, come accaduto a Losail, dopodiché daremo il massimo, come sempre, sperando di essere più fortunati”.

Scott Redding: “Correre con la MotoGP sul Circuit of the Americas sarà molto interessante. Mi sento molto a mio agio su questo tracciato, infatti lo scorso anno in Moto2 fui molto veloce, siglando la pole position con un vantaggio di sei decimi di secondo su tutti gli altri. Penso inoltre che la pista si adatti bene alle caratteristiche della nostra moto, sia per quanto riguarda la maneggevolezza che la stabilità nei punti di frenata. Dovremo lavorare bene sul fronte pneumatici, perché quello di Austin è un tracciato esigente da questo punto di vista e probabilmente saremo costretti ad utilizzare in gara l’opzione più dura, anziché la morbida come fatto in Qatar”.

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
Mirco Lazzzari motogp formula 1 photo images - Mirco Lazzari l'arte di fotografare la MotoGP è un'esclusiva di RTR Sports Marketing