In MotoGP, Motomondiale, Motorsport

marquez pedrosa

La prossima gara di Sepang della MotoGP potrebbe rivelarsi uno snodo decisivo della stagione: non solo in pista, come sarebbe normale aspettarsi parlando di motomondiale, ma, prima che i motori si accendano, lo scossone potrebbe arrivare dalla Direzione di Gara, chiamata nella giornata di oggi ad esprimersi, dopo aver sentito le versioni dei diretti interessati, che sono già stati convocati, sul contatto che ha coinvolto i due piloti Honda nello scorso Gran Premio di Aragon.

A rischiare, come noto, è il giovane leader di classifica, reo, secondo molti, di aver azzardato un sorpasso troppo irruento nei confronti del compagno di scuderia, provocandone la caduta. Contatti di gara, hanno commentato in tanti (tra questi, anche l’inglese Crutchlow, che, interrogato in merito, ha tranquillamente ammesso come secondo lui la dinamica dell’incidente non è imputabile a specifiche colpe di Marquez); ma molti altri hanno, invece, sottolineato la veemenza della manovra, auspicando una presa di posizione nei confronti dello spagnolo.

In settimana, Marquez ha più volte ribadito la propria tranquillità, dicendo che rimarrebbe molto stupito nel caso di una giudizio sfavorevole nei suoi confronti e spostando subito il discorso sulle sensazioni positive che gli regala il ritorno a Sepang; la pista sulla quale, di fatto, è iniziata l’avventura del campioncino con la Honda RC213V.

Il discorso, tuttavia, appare tutt’altro che chiuso e se, oggi, i 39 punti di vantaggio nei confronti di Jorge Lorenzo nella classifica generale appaiono rassicuranti, un’eventuale penalizzazione che facesse partire Marquez dal fondo dello schieramento nella gara malese potrebbe riaprire i giochi e regalare un finale di stagione infuocato e tutto da decidere.

Lorenzo, da parte sua, non ha fatto trapelare particolari emozioni e, soprattutto, non ha fatto previsioni nei confronti dell’eventuale penalizzazione, ma è normale pensare che, in questo momento della stagione, non avere la preoccupazione di vedere nelle posizioni intorno alle proprie il rivale, apparso quasi inarrestabile in pista, sarebbe un fattore di cui approfittare.

Redazione RTR Sports
Pictures from the web
Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recommended Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
tom sykesmarquez sepang