In Calcio, Sport News

Ad oggi, sembra una Premier di qualche anno fa perché i ragazzi di Ferguson sono in fuga e nessuno sembra in grado di reggere il passo, City compreso. La squadra di Mancini è lontana parente di quella ammirata l’anno scorso e delle altre, e a questo punto il tecnico italiano rischia seriamente di chiudere la stagione nella maniera più fallimentare possibile. Di seguito una versione light di quanto visto nel fine settimana alla corte della Regina.

TOP

  • Southampton: il bello del calcio è che ti può smentire in qualsiasi momento lo decida. Chi l’avrebbe mai detto dopo le prime dieci giornate di campionato che i Saints sarebbero stati in grado di battere i campioni d’Inghilterra in carica? E invece. Il risultato, già piuttosto netto di per sè, non è neanche sufficiente a rappresentare una vittoria schiacciante sotto ogni punto di vista e che potrebbe risultare decisiva per le sorti del campionato. I santi sono vivi!
  • Frank Lampard: 198 gol in maglia Blues, eterno, leggendario, immenso. Definitelo come volete ma dopo aver allontanato Di Matteo sono proprio curioso di vedere se al Chelsea saranno così poco furbi da non rinnovare il contratto al buon vecchio Frankie che a 35 anni è ancora uno tra i più forti centrocampisti dell’intera lega.
  • Manchester United: un carro armato. In casa dell’Everton bisognava vincere per aumentare a 12 punti il distacco dai rivali cittadini, e così è stato. Io davvero mi chiedo quale sia il segreto di Ferguson, come diavolo fa a motivare ancora i suoi ragazzi dopo più di 20 anni di successi?? Da studiare e, possibilmente,clonare.
  • Wba: corsaro ad Anfield, cosa che non capita tutti i giorni sebbene il Liverpool di quest’anno abbia i connotati dell’armata Brancaleone. Vittoria importante che vale doppio dato che permette il sorpasso in classifica agli stessi Reds. Ancora una volta un grande Lukaku, futuro radioso per il belga.
FLOP
  • Manchester City: per quanto visto l’anno scorso, credo che nessuno di noi potesse aspettarsi che alla 26esima giornata vi fosse un tale distacco dalla prima in classifica. Per i valori potenziali, la stagione è finora fallimentare da qualsiasi prospettiva la si guardi anche perché è lo stesso Mancini che ammette già candidamente come anche il campionato sia oramai compromesso. Ma come giustificare al proprio datore di lavoro che con un “parco maestranze” da 250 milioni e forse più, non si ha ottenuto un risultato che sia uno? Il Mancio ha un contratto recentemente rinnovato che sotto la voce scadenza indica 2017 ma di mettere la mano sul fuoco per garantire che a quella data sarà ancora il tecnico dei Citizens, beh io non me la sento.
  • Liverpool: “..life is a rollercoaster , Just gotta ride it…” cantava un Ronan Keating d’altri tempi senza sapere che la sua canzone avrebbe trovato una trasposizione sportiva in questa stagione dei Reds. In Italia ci lamentiamo tanto dei progetti di rifondazione avviati da Inter e Milan che comunque hanno fin qui ottenuto risultati dignitosi ma che dire degli idoli della Kop? Capaci di mettere una Domenica alle corde il City a domicilio e la Domenica dopo di perdere in casa con l’ostico ma inferiore Wba. Ma siamo seri? Su questo prato una volta c’era gente come Kevin Keegan o Ian Rush che alzava delle coppe pesanti, un pò di rispetto.
  • West Ham: peccato perchè lo scontro diretto con i Villans poteva essere la partita del salto di qualità e del cambio di marcia in classifica alla ricerca di chissà, forse anche qualcosa di più che una semplice salvezza che al momento sembra aver già saziato le pance degli Hammers.
  • Qpr: se una delle cose positive che i Rangers erano riusciti ad apprendere da Redknapp, era la difesa solida. Questo week end tornano dal Galles con quattro pere sul groppone. Come non detto.
By Alberto Malaguti - RTR Sports Marketing
Nella foto: la gioia dei giocatori del Southampton dopo la vittoria contro il City - Fonte il Web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt