In Calcio, Related News

Ronaldinho: il sorriso più bello del calcio mondiale

A cura di Luca Mapelli

Un mese Ronaldinho fa ha appeso gli scarpini al chiodo. Lascia il calcio una delle icone del nuovo millennio. L’atleta che forse ha meglio rappresentato l’amore per il gioco del calcio nudo e crudo. Spensieratezza, divertimento, dribbling e magia pura. Non è stato un attaccante moderno, di quelli che fanno la fase difensiva per intenderci. Non è stato un capitano trascinatore. E non è stato un giocatore tutto cuore e grinta. E’ stato un giocoliere con la fantasia di un pittore e la genialità di un inventore.

ronaldinho milan

Ronaldinho dice addio al calcio

Lo abbiamo visto letteralmente danzare sul pallone, doppi passi, veroniche, elastici, tunnel e “no look”. Tecnicamente da brividi, velocità di pensiero e imprevedibilità da lasciare a bocca aperta l’avversario. Tutto questo con un fantastico sorriso sempre stampato in faccia. Perché chi può trasformare la sua vera passione nel proprio lavoro è un privilegiato e la sua felicità nello scendere in campo la si vedeva lontano un miglio.
Memorabile quella doppietta al Santiago Bernabeu, dove il pubblico intero si alzò per dedicargli una standing ovation al momento della sua sostituzione. Vera testimonianza che il calcio sa andare oltre i colori sociali. Se un giocatore dimostra di essere un fenomeno è giusto applaudirlo, e lui valeva il prezzo del biglietto!

Ronaldinho migliore calciatore al mondo nel 2005

Migliore calciatore al mondo meritandosi un pallone d’oro e portando, qualche mese dopo, il suo Barcellona alla conquista della Champions…
Ma ciò che davvero ho apprezzato è non averlo mai visto arrabbiarsi con l’avversario dopo aver subito un fallo o polemizzare nei confronti dell’arbitro. Di scarpate ne prendeva parecchie, ma prima di tutto era li per divertirsi, per questo era il più forte!
Poterlo osservare in Italia con la maglia del Milan, anche se nella fase calante della sua carriera, è stata comunque una gioia. Qualche sprazzo di pura classe è emerso, nonostante una condizione fisica non al top.
Sicuramente la sua carriera non è stata all’altezza del suo talento e i rimpianti sono molti. A soli 31 anni ha abbandonato il calcio europeo per tornare in Brasile.
Agli amanti dello sport quei pochi anni nel pieno della forma sono comunque bastati per vedere giocate da fenomeno. Solo guardarlo palleggiare durante il riscaldamento ti faceva capire quanto fosse il miglior amico del pallone.
Il calcio dev’essere divertimento prima di sacrificio e vittoria, grazie per avercelo ricordato ogni volta che sei sceso in campo.
Obrigado Dinho

 

A cura di Luca Mapelli

0

Sports Marketing: Londra 2012 E La Più Bella Estate Di Sempre

Decido di chiudere l’ultima domenica di vacanze leggendo uno splendido articolo di Gabriele Romagnoli sulla fine dei Giochi Olimpici di Londra 2012. Il parallelo -calzante- è quello tra [...]

0

Euro 2012: All’Italia Non Piace Facile. Pirlo Illude Ma Con La Croazia E’ 1-1, E Ora Si Fa Dura.

Italiani: popolo di poeti, pittori, scienziati e sognatori. Gente che non si accontenta, che accetta le sfide e che cerca ogni giorno di andare oltre i propri limiti  per cercare di migliorarsi. [...]

0

Euro 2012: Botto Olanda, L’Europa Sanguina Arancione

Piccolo punto del mattino, per stemperare le tensioni calcistiche che accompagnano la vigilia di Italia – Croazia di stasera e gli approfondimenti più precisi che certamente arriveranno da [...]

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recommended Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
Chapecoenseducati_dovizioso_2017