In Calcio, Marketing Sportivo, Sponsorizzazioni Sportive, Sports Marketing

Si può capire molto delle scelte di una squadra osservando il suo portfolio sponsor. Sempre più spesso la sponsorizzazione è una strategia a due vie, le cui sorti non sono solo subite da una property sportiva, ma guidate e condotte per dare forma e sostanza ad una certa linea manageriale.

Il calcio italiano ha sempre una regina

La Juventus è certamente una delle più importanti (se non la più importante) società sportive italiane. Stando a Business Insider, la Vecchia Signora del Calcio italiano è il decimo club calcistico più ricco del mondo, con un turnover di 255.1 Milioni di Euro e preceduta solo da Liverpool, Chelsea, Arsenal, PSG, Man City, Bayern Monaco, Real Madrid, Barcelona e Manchester United.

Sul sito dei bianconeri vengono elencati 39 partner ufficiali che sono suddivisi in 5 macro categorie per ordine di importanza.

È interessante sin da subito notare che, ad eccezione dei “regional partner” (di cui parleremo più avanti), le macro categorie di sponsor Juventus non sono etichettate. Non esistono dunque (almeno sul sito) Official Sponsor, Main Sponsor, Official Partner o via discorrendo: anzi, le 5 categorie non sono proprio nominate, probabilmente per dare egual valore -almeno sulla carta- a tutte le sponsorizzazioni senza fare distinguo.

Aziende storiche ma anche uno sguardo all’estero

Scorrendo i nomi degli sponsor Juventus ci si accorge di trovasi di fronte ad un club che è in fortissima espansione verso l’oriente (laddove molto probabilmente si annida il futuro almeno economico del pallone) ma ancora fortemente radicato in Italia tramite aziende storiche del nostro territorio. E ancora, una squadra con un target molto ampio e variegato, che parla ai giovani e ai meno giovani, dal Nord al Sud.

Certamente, Adidas e Jeep fanno la parte del leone nel marketing bianconero, andando ad occupare categorie merceologiche assolutamente storiche per l’elite del pallone, come l’automotive (captive, in questo caso) e lo sportswear. Assicurazioni, produttori di alimenti e istituiti di credito si collocano sulla stessa linea di tradizione, andando a riempire quegli spazi che ci si aspetta

Tuttavia, dal retro della divisa bianconera fa capolino la rivoluzionaria Cygames, azienda giapponese produttrice di videogiochi e carte collezionabili desiderosa di fare breccia in Italia. E così, da quest’anno e solo per le partite di campionato, sotto i numeri di maglia della Juve comparirà la silhouette di un dragone, accompagnato dalla grande scritta Cygames.

Non mancano all’appello numerose aziende storiche del nostro territorio, da Segafredo a Balocco, da Noberasco a Chicco, ma è nuovamente sulle numerosissime aziende estere che la lista degli sponsor Juventus si colora d’esotico. Dal Forex Trader 24Option all’acqua cinese Ganten Water, dalla maltese Socios a Willis Tower Watson.

Interessanti e controcorrente le aggiunte di BeeBad e di Osonyq nelle categorie merceologiche degli Energy Drink e degli sport drinks, due nomi certamente non di prima fascia in un mercato dominato da Red Bull, Monster, Gatorade e via discorrendo.

Manifesta invece l’assenza di una compagnia aerea ufficiale, singolare mancanza in un portfolio di una squadra di Champions League.

Una lista di tutto rispetto


ADIDAS:

Il marchio con le tre strisce è ormai parte integrante dell’identità grafica e stilistica del club. Tre sono le strisce sul fronte della maglia da gioco della Juve (una nera, una bianca, una nera) e tre le strisce (due in positivo e una in negativo) che compongono il nuovo logo della Vecchia Signora. L’accordo con Adidas, in scadenza nel 2022 porta nelle tasche del Club circa 22 Milioni di Euro.

JEEP:

Marchio di Chrysler Group dal 1987 e poi controllato da FIAT FCA dal 2014, Jeep è il brand che per antonomasia ha accompagnato la storia recente dei bianconeri. Entrato a far parte degli sponsor Juventus dal 2013, il fuoristrada par excellance doveva rimanere sulla divisa per soli tre anni per una cifra prossima ai 35 milioni di euro. Vista la bontà dell’accordo per ambo le parti, l’accordo è stato poi rinnovato. Ora il brand di FCA paga 17 Milioni di euro all’anno con scadenza dell’accordo fissata alla fine della stagione 2021/2022.


CYGAMES:

È la prima volta che fra gli sponsor Juventus compare un nome sul retro della maglia. Cygames, azienda giapponese che produce videogiochi e carte collezionabili, ha fatto il suo debutto sulla maglia dei bianconeri il 22 luglio nella sfida newyorkese contro il Barcellona. Il contratto, che dovrebbe assestarsi intorno ai 10-12 milioni di euro a stagione e che non vale per le partite di Champions League, serve con grande probabilità a promuovere l’azienda di Tokyo nell’anno in cui in Italia sbarca Shadowverse, uno dei più fortunati titoli di carte collezionabili per piattaforme mobili che ha generato più di 100 milioni di dollari nel 2017.


ALLIANZ: La prima compagnia al mondo nel settore delle assicurazioni è anche la quella che dà il nome allo Stadium juventino. Ha sede principale a Monaco di Baviera, ma le filiali sono sparse in tutto il mondo.

SKY: È evidente il legame che unisce la Juventus (e moltissime altre società del nostro calcio) al network televisivo a pagamento Sky, che trasmette in esclusiva i match della Serie A e di altre importanti manifestazioni del pallone.

DE CECCO: L’azienda pescarese fondata nel 1886 è leader nel settore alimentare. Particolarmente conosciuta per la pasta, DeCecco è sponsor Juventus dall’agosto 2018

LINGLONG TIRE: Official Tre Partner dei bianconeri dal febbraio 2018, LingLong è un’azienda cinese di pneumatici nata negli anni ’70 e oggi presente in 160 paesi

M&M’s: Chi non conosce i gustosi e coloratissimi confetti di cioccolato ricoperti prodotti dalla Mars? La Juve si accompagna alle caramelle da più di un anno ormai, con belle produzioni video e attivazioni a sostenere la partnership.

RANDSTAD: Il gruppo olandese di agenzie per il lavoro sarà sponsor dei bianconeri sino al 2020. Oltre ad essere sponsor Juventus, Randstad è anche al fianco di Spal ed Entella nel nostro calcio, oltre che di Udine nel basket e Modena nel Volley.

SOCIOS.COM: Innovativa piattaforma blockchain con sede a Malta, Socios è già partner anche del Paris Saint Germain. Il software permetterà di creare, scambiare e utilizzare la prima criptovaluta bianconera, utile per aumentare l’engagement dei tifosi sulle property online dei bianconeri.

SAMSUNG: Non c’è molto da dire sulla multinazionale coreana leader della tecnologia, fondata da Lee-Byung Chul nel 1938. I coreani hanno fatturato l’impressionante cifra di 223 Miliardi di Dollari nel 2017 (al pari praticamente di Apple) e per qualche momento parevano interessati all’acquisto dei naming rights dello Juventus Stadium per 120 milioni di Euro. La notizia è stata poi in seguito smentito, ma l’azienda non smette di rinnovare il proprio contratto di sponsorizzazione con i bianconeri.

NOBERASCO: Il leader italiano della frutta secca con sede a Genova è nutrition partner della Juve dall’inizio del 2017. Molto interessanti le attivazioni della sponsorship allo stadium, fra cui memorabile il laser light show proiettato direttamente sul terreno di gioco.

BALOCCO: Quello fra l’azienda dolciaria fossanese è un rapporto che dura ormai da nove anni e che ha visto mettere in campo decine di concorsi e prodotti dedicati. Dai BiscoBomber al Panettone bianconero fino alle sorprese dell’uovo di cioccolato, non si può dire che fantasia e ambizione non siano mancati a questa partnership.

GANTEN: Ganten Water è Official Water dei bianconeri, in un contratto siglato nell’estate del 2017 e dalla durata di 3 stagioni. Essere sponsor Juventus è lo strumento che consente a Ganten, già leader nel mercato orientale, di fare breccia nel cuore degli europei. Ancora limitata, a dire il vero, la distribuzione dell’acqua dalla preziosa bottiglia di design. Interessante anche il prezzo, che su Alibaba viaggia dai 12 ai 16 dollari a scatola.

UBI BANCA: Nata dalla fusione del 2007 fra le banche popolari Unite e la Banca Lombarda, UBI banca è sponsor Juventus dalla scorsa stagione. La Juventus Official Bank mette a disposizione dei suoi clienti tre prodotti dedicati al club torinese, la Carta di Credito Hybrid Juventus, la Carta Enjoy Juventus e il Clubino Juventino, il libretto di risparmio dedicato ai piccoli tifosi bianconeri.

FRECCIAROSSA: Il più veloce treno italiano è un partner storico del nostro calcio. Dal 2014-2015 le squadre della nostra Serie A viaggiano su rotaia sul supertreno di Trenitalia, che contemporaneamente mette a disposizione sconti e promozioni per i tifosi desiderosi di seguire in trasferta i propri eroi.

SIGNIFY: Signify è il nuovo nome di Philips Lightning, leader mondiale nel campo dell’innovazione dell’illuminazione LED connessa. Impressionante la presentazione della partnership, direttamente allo Juventus Stadium, con tutta l’arena illuminata, connessa e impreziosita da importanti giochi di luce.


24 OPTION.COM: Forex Trading

WUBER: Prodotti alimentari

BEEBAD: Energy Drink

OSONYQ: Natural Sports Drink

WILLIS TOWERS WATSON: Risk management

HUBLOT: Orologi di Lusso

RADIO DEE JAY: Radio

DAZN: Broadcasting sportivo

EA SPORTS: Videogiochi

SEGAFREDO: Caffè

CHICCO: Prodotti per bambini

ARVAL: Noleggio auto a lungo termine

FERRARI: Spumanti

RICOH: Articoli per l’ufficio

TRUSSARDI: Abbigliamento

TECHNOGYM: Articoli e attrezzature per la palestra

SIXTUS: Prodotti per l’automedicazione e la salute


CHINA MERCHANTS BANK: Istituto di credito

COSTA CHINA: Crociere

STAR-NIGERIA: Birra

SUPERSOCCER TV: Streaming TV

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recommended Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
sponsor MotoGPricerca sponsor