In Sponsorizzazioni Sportive

Tutti i marchi hanno uno strumento sicuro per farsi notare dal pubblico: la Sponsorizzazione

Che cosa deve fare un brand per essere notato tra tanti? Come può diventare familiare fino a essere riconosciuto e associato a certi prodotti? E come essere top of mind nel momento più importante, ovvero quello dell’acquisto?

Farsi notare è il punto di partenza, la base per il successo di ogni azione commerciale e oggi è difficilissimo. L’attenzione è merce rara, sono sicuro che incrociate continuamente persone che camminano con gli occhi incollati agli schermi del cellulare e che spesso vi spostate per non sbatterci.

Alieni a quello che succede nelle vicinanze, attenti solo al loro dispositivo su cui controllano costantemente le mail, l’ultimo post su facebook, gli scatti su instagram, il sito di gossip…Mentre aspettano il treno, l’autobus o fanno la coda alle casse del supermercato.

Se poi non sono concentrati sul cellulare (dove vengono comunque continuamente attaccati da pubblicità non richieste) sono bersagliati da migliaia di stimoli esterni; affissioni, cartelli, radio commercial, sms, mail, telefonate di call center e chi più ne ha più ne metta.

È facile dunque comprendere che essere notati è un’impresa eccezionale, in cui riescono, se si usano i mezzi tradizionali, solo i fortunati che hanno budget sconfinati.

Siamo diventati tutti difficilissimi da intercettare: per difesa, per sottrarci ai continui spot che non ci interessano e che ogni giorno ci sovrastano. E non ne vogliamo più sapere fino a che qualcosa non ci serve, allora andiamo su Google e troviamo prodotti, facciamo confronti, ci informiamo sui prezzi e su come si comporta il servizio clienti.

Che cosa deve fare un’azienda per parlare col suo pubblico? Come farsi  largo tra i tanti e superare il rumore di fondo?

Con le sponsorizzazioni sportive, ecco come funzionano!

Facile, deve invertire il processo, evitare di elemosinare attenzione e farsi cercare…ma come? DIVENTANDO INTERESSANTE: Sponsorizzando un’attività culturale o una causa caritatevole, uno sport o una squadra, ecco come procurarsi l’attenzione spontanea del consumatore smettendo di interromperlo.

sport-sponsorshipSi deve sponsorizzare qualcosa o qualcuno: una charity, lo sport, la musica o la cultura che il nostro target apprezza e, per passione e interesse personale, segue a prescindere dal nostro coinvolgimento. Qualcosa o qualcuno che gli piace, che esercita una forte attrazione su di lui. Qualcosa su cui il target si concentra e che è vissuto con piacere.

La moto del pilota preferito, la maglia della squadra del cuore. Il Vostro marchio deve essere parte attiva dello spettacolo che il consumatore ha deciso di guardare, della causa in cui crede e che vuole sostenere, entrando nel suo mondo, in punta di piedi, affiancandolo.

Perché in un periodo in cui ci offrono qualsiasi cosa in ogni momento, solo quello che ci appassiona vale, tutto il resto…è noia, diceva il Califfo (e annoia aggiungo io).

 Adesso per favore, date due minuti della vostra attenzione a  https://www.ama.org/partners/content/Pages/why-customers-attention-scarcest-resources-2017.aspx

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Recent Posts

Leave a Comment

Scrivici

Scrivici un messaggio, verrai contattato al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
piano-di-sponsorizzazione