In Marketing Sportivo
bicyletaxidermy

Questa storia di sports marketing la dovevo bloggare per forza. La storia è la seguente, e fa ridere soprattutto perchè ne nasce un business di tutto rispetto. Quando si dice l’incredibile destino della fantasia.

Midlands, Inghilterra. Tizio sconosciuto, ciclista ossessionato e maniacale, sulla cinquantina. Come ce ne sono tanti da noi. Uno di quelli che si sveglia alle cinque della domenica e inforca la bicicletta. Idem dicasi alle otto del giovedì sera. Pioggia, vento o caldo torrenziale, poco importa perchè il nostro macina chilometri e chilometri e chilometri. Un bel giorno, come capita da copione, infila una curva sul bagnato troppo veloce e scivola con forza sull’asfalto. A lui, eccezion fatta per qualche graffio, non capita nulla. Per la bicicletta non si può dire altrettanto: è in mille pezzi. Come nei cartoni animati, il Tizio torna a casa a piedi trascinandosi dietro il solo manubrio. E’ tutto quello che gli rimane.

Arrivato a casa, mostra non senza malinconia i resti dell’amato ciclo al figlio. “Bello, sembra un trofeo di caccia -è il laconico commento del pargolo- dovremmo metterlo sul muro“. Una presa in giro, certo, ma proprio da qui nasce l’idea per Bicycletaxidermy, l’ultima fortunata trovata tipicamente brit per i maniaci del ciclismo e non solo.

Basta inviare allo staff di Bicycletaxidermy il manubrio della propria, defunta, bici preferita e loro provvederanno ad incorniciarlo come la più classica delle teste da arredamento. Solo che al posto del cervo, della renna o dell’orso c’è, appunto, il vostro (ex) mezzo preferito. Potete scegliere il legno, la forma del montante, il colore dei fissaggi e la scritta sulla targhetta.

bicycletaxidermy

bicycletaxidermy

Strampalata o meno che possa sembrare (e lo è), l’idea sta riscuotendo un successone non solo fra i ciclisti, ma anche fra gli hipster più sfegatati e fra i modaioli più ambiziosi. Al punto che quelli dello staff hanno anche pensato che possedere una bicicletta non fosse questione necessaria per il servizio: se non hai la bici da rottamare, il manubrio ce lo mettiamo noi. Più di trecento euro, spedizione non compresa, per avere fissato sul muro un manubrio di una bici che non ti è mai appartenuta. E c’è chi lo compra. Tanti, vi garantisco. Un grande successo di sports marketing!

Rest in pieces, ovvero “riposa in pezzi” è lo scherzoso motto da cui l’azienda d’Albione parte, giocando sul più comune “rest in peace”. E’ una bella trovata, che certo non gli farà fare i miliardi, ma che gli permetterà di divertirsi un po’ alle spalle di chi trova tutto questo di gran moda.

Dannati inglesi.

By Emanuele Venturoli - RTR Sports Marketing
Nelle foto: alcune creazioni di Bicycletaxidermy
Pictures courtesy of bicyletaxidermy.com

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Dal 1995 aiutiamo le aziende di tutti i settori ad assicurarsi i migliori contratti di sponsorizzazione, collegandole con il meglio degli sport motoristici internazionali. Cliccate sul pulsante sottostante per mettervi in contatto oggi stesso con uno dei nostri specialisti in sponsorizzazioni.

Contatta uno dei nostri specialisti

Emanuele Venturoli
Emanuele Venturoli
Laureato in Comunicazione Pubblica, Sociale e politica all’Università di Bologna, da sempre è appassionato di marketing, design e sport. Già prima di terminare gli studi inizia a lavorare nel marketing sportivo e scopre l’importanza di tutto quello che c’è al di fuori dal campo di gioco. Dal 2012 è in RTR Sports, di cui oggi è Head of Communication e Marketing Officer per i progetti legati alla Formula 1, alla MotoGP e al meglio degli altri sport a motore a due e quattro ruote.
Recent Posts

Leave a Comment

sponsorship infograph
Rest in Pieces. Quando La Bici E’ Un Trofeo Di Caccia: Bicycletaxidermy., RTR Sports