In Altri Sport

marc-marquez-texasAndrea Dovizioso si starà probabilmente domandando, osservando fuori dal finestrino dell’aereo che riporta tutto il carrozzone della MotoGP verso il vecchio continente, che ne sarebbe stato del suo Mondiale a questo punto se il buon Cristoforo Colombo nel 1492 si fosse fatto i fattacci suoi e anzichè darsi alla scoperta delle Americhe avesse continuato ad occuparsi dell’osteria genovese del padre Domenico.

La Desmo targata 04 del romagnolo esce dalla doppietta Termas de Rio HondoTexas con punti 0 nella classifica generale, qualche livido di troppo e un frullìo di cosiddetti avvertibile distintamente fin in Via Cavalieri Ducati qui a Bologna. Se nella prima tappa del mini tour americano Dovizioso infatti era stato centrato, non senza polemiche, dal compagno di squadra, a buttarlo fuori ieri è stata la Honda di Daniel Pedrosa, in un incidente che ha un AVR (average quoziente di rogna) davvero sorprendente. Insomma, come vuole il detto, se la fortuna è cieca, la sfiga ci vede davvero benissimo. È un peccato, perchè l’alfiere Ducati stava, per l’ennesima volta, compiendo un’ottima gara e battagliando per un podio che, a ragion veduta, poteva essere suo senza troppe difficoltà.

Vittime illustri

Dovizioso tuttavia non è l’unica vittima eccellente di un GP che ha mietuto vittime illustri e che ha visto un numero di scivolate insolito per una gara di MotoGP. Oltre ai già citati Dovizioso e Pedrosa, per terra sono finiti anche Cructhlow, Baz, Smith e Valentino Rossi, autore di una bruciatura alla frizione che ne ha condizionato il passo sino a quando un’entrata troppo garibaldina in curva non ne ha costretto il ritiro nel ghiaione.

Se invece c’è qualcuno a cui pare andare particolarmente a genio il continente raggiunto dalla Nina, Pinta e Santa Maria, quello è senza dubbio Marc Marquez, autore della quarta vittoria di fila partendo dalla pole in terra texana e della decima vittoria consecutiva in terra americana. A voler essere sintetici, non c’è stata storia alcuna, con lo spagnolo in controllo totale, assoluto e intoccabile non solo della gara ma dell’intero weekend.

Considerazioni da fare

Se, tuttavia,  è evidente che il Circuit of The Americas è straordinariamente congeniale a Marquez e alla sua guida, altrettanto è necessario tenere a mente tre cose, alla chiusura di questo terzo round del Motomondiale.

In primis è opportuno constatare che il ragazzino di Cervera non ha risentito emotivamente dello strattone mediatico e di reputazione provocato dall’affaire del  fine campionato scorso. Al contrario, l’uomo Honda ha mostrato di essersi presentato all’appuntamento Mondiale 2016 con testa sgombra e intenzioni ben chiare, offrendo prova di una solidità sportiva che non era così scontata.

In secondo luogo, è opportuno mettere a tacere le critiche dei livorosi che avevano ad inizio anno bollato la RC213V come un pezzo di latta con poche speranze. Se è vero che la genesi del prototipo della casa con l’ala non era parsa brillante, è altrettanto vero che il garage lato Marquez ha lavorato bene e con un buon progetto per tirare fuori una moto che se non è perfetta poco ci manca. Certo, il distinguo fra i due veicoli è importante, poichè la moto di Pedrosa ha seguito una filosofia completamente diversa e pone non pochi dubbi sul proseguo del Campionato, ma non si può negare che nelle tre gare viste sino a qui, la #93 ha potenza da vendere (cosa che si sapeva) ma anche una guidabilità invidiabile e un carattere più congeniale al suo condottiero.

Infine, e qui si entra nella terra del pronostico, pur con solo tre gare a registro, non si può fare a meno di notare che il pilota Honda ha segnato una media di 22 punti ad uscita e che ha una tradizione abbastanza solida in quei mondiali in cui parte forte. Chi credeva che il 2016 fosse unicamente all’insegna di Lorenzo o di Rossi, probabilmente ha fatto i famosi conti senza l’oste…

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Dal 1995 aiutiamo le aziende di tutti i settori ad assicurarsi i migliori contratti di sponsorizzazione, collegandole con il meglio degli sport motoristici internazionali. Cliccate sul pulsante sottostante per mettervi in contatto oggi stesso con uno dei nostri specialisti in sponsorizzazioni.

Contatta uno dei nostri specialisti

Emanuele Venturoli
Emanuele Venturoli
Laureato in Comunicazione Pubblica, Sociale e politica all’Università di Bologna, da sempre è appassionato di marketing, design e sport. Già prima di terminare gli studi inizia a lavorare nel marketing sportivo e scopre l’importanza di tutto quello che c’è al di fuori dal campo di gioco. Dal 2012 è in RTR Sports, di cui oggi è Head of Communication e Marketing Officer per i progetti legati alla Formula 1, alla MotoGP e al meglio degli altri sport a motore a due e quattro ruote.
Recent Posts

Leave a Comment

Spuntature: Marquez, il Texas e la dea sbendata, RTR Sports
superbike imola 2016