In Formula 1, Formula E, Marketing Sportivo, Sponsorizzazioni Sportive

Che cosa sono le gare di Formula E?

La Formula E rappresenta la massima espressione delle corse elettriche e si svolge sotto le regolamentazioni della FIA. La serie, le cui monoposto elettriche gareggiano su circuiti stradali chiusi, ha appena ottenuto lo status di “Campionato del Mondo” anche se, fin dal suo esordio, i weekend di Gran Premio si sono svolti in tutti i continenti.

Nonostante la sua età relativamente giovane – con la prima gara svoltasi nel 2014 – la Formula E ha già goduto di importanti aggiornamenti tecnici. Le auto di seconda generazione sono più veloci, visivamente appetitose e, soprattutto, possono durare tutta la gara senza la necessità di sostituire le auto con la carica della batteria.

La stagione 2021 vede al via 12 squadre e 24 piloti, con i migliori costruttori mondiali in lotta per il titolo iridato. Da Audi a Mercedes e da Nissan a Jaguar, la Formula E ha raccolto il Gotha dell’industria automobilistica grazie alla sua visione per il futuro.

L’eroe portoghese Antonio Felix da Costa su Techeetah è l’attuale campione del mondo.

Le vetture di Formula E sono tutte uguali?

La Formula E ha sempre avuto un occhio di riguardo per la riduzione dei costi: sanno molto bene – e la Formula 1 rappresenta un punto di riferimento in questo senso – che i soldi contano molto quando si tratta di costruire gare ricche di competizione. Date a qualcuno 1000 sterline per sviluppare una macchina da sapone e il suo progetto sarà molto probabilmente più competitivo rispetto al ragazzo a cui sono state date 25 sterline per lo stesso lavoro.

Al fine di ridurre i costi, alcune parti delle monoposto- come il telaio, le batterie e il kit aerodinamico – sono specifiche e quindi uguali per tutti i Team. Propulsore, cambio, sospensioni e altri componenti, invece, non sono soggetti alle specifiche FIA e ogni costruttore può progettare e aggiornare i propri pacchetti da portare alle singole tappe del mondiale.

La Formula E sostituirà la Formula 1?

Questa è una domanda molto interessante, ed è oggetto di dibattito nel settore del Motorsport e del marketing sportivo mondiale.

Non ci sono dubbi sul fatto che al momento la Formula 1 sia ancora l’apice delle corse su 4 ruote e del Motorsport in generale. Ciò potrebbe essere dovuto al passato affascinante della F1 e al fatto che, grazie a una massiccia copertura televisiva nazionale nel corso della giornata, lo sport ha raccolto un pubblico straordinario in tutto il mondo. Chiedete a qualcuno di nominare una “macchina veloce” e 9 persone su 10 alla fine penseranno ad una monoposto di Formula 1.

Due forze trainanti principali giocheranno un ruolo nel duello F1-FE: la competitività sulla griglia e un futuro sostenibile per l’industria automobilistica.

Per quanto riguarda il primo fattore, è palese il fatto che sia passato fin troppo tempo dall’ultima volta in cui la classe regina ha offerto un’avvincente lotta per il titolo iridato. Dall’inizio dell’era ibrida nel 2014, infatti, la Mercedes ha vinto ogni singolo campionato, rendendolo il dominio più lungo nella storia di questo sport. Lewis Hamilton ha faticato a trovare un degno avversario, tranne forse per l’allora compagno di squadra Nico Rosberg nel 2016. Appurato il fatto che Hamilton sia un talento straordinario che merita ogni grammo del suo successo, allo stesso tempo il circus soffre di una mancanza di competitività. Anche i fan più accaniti delle corse possono stancarsi dopo l’ennesima doppietta delle frecce d’argento.

Le differenze non sono così pronunciate in Formula E, anche grazie ad una struttura dei costi molto diversa. La formula elettrica, infatti, è riuscita a produrre diverse gare ravvicinate nei valori e molto eccitanti durante le sue sette stagioni e riempie sempre la bobina dei momenti salienti post gara con numerosi momenti “wow”.

Inoltre, c’è la questione relativa alla sostenibilità dell’industria automobilistica. Non ci sono dubbi sul fatto che, con il futuro della mobilità elettrica, ha molto più senso per un produttore unirsi a uno sport che è… .erm, elettrico e una tonnellata meno costoso. Proprio per questo motivo le case automobilistiche si stanno allineando per unirsi alla Formula E mentre pochi marchi si sono uniti alla F1 negli ultimi anni, con Aston Martin che è più un’eccezione alla regola che altro.

Quindi, la Formula E sostituirà la Formula 1? Non ora, forse, ma in futuro potremmo vedere i due sport traghettare dolcemente l’uno verso l’altro per creare il Megazord del Motorsport: veloce, emozionante, moderno e sostenibile.

Chi sponsorizza la Formula E?

Una buona domanda, davvero, a cui si potrebbe rispondere attraverso una lunga e opulenta conferenza sulle caratteristiche intrinseche e peculiari del Motorsport rispetto agli sport senza motore. Ti risparmieremo il dolore, per una volta.

Basti pensare che, dato il sistema di valori del Motorsport, le aziende di tutti i settori sono più che disponibili a partecipare alle principali competizioni motoristiche. Parlano di velocità, efficienza, passione, innovazione, lavoro di squadra, tecnologia all’avanguardia e ovviamente tutti vogliono partecipare, dalle bevande energetiche ai produttori di computer, dalle compagnie di assicurazione agli oli e lubrificanti.

Inoltre, il lotto della Formula E ha un altro asso nella manica, la sostenibilità, sia ambientale che economica. Questa è un’onda che la maggior parte delle aziende è, giustamente, disposta a cavalcare al giorno d’oggi e che rappresenterà un pilastro importante nella strategia di comunicazione della maggior parte delle aziende.

Quindi, eccoti il mix perfetto. Non dovrebbe quindi sorprendere vedere così tante incredibili aziende sostenere la Formula E, da ABB a Tag Heur, da DHL a Heineken, da Enel a Moet & Chandon.

Puoi sponsorizzare la Formula E?

Beh, ovviamente puoi sponsorizzare la Formula E. E ci sono molti motivi per cui anche tu e la tua azienda dovreste farlo.

So che questo può sembrare di parte, ma per capire quali opportunità di sponsorizzazione ci sono in Formula E – e in generale quali sono le opportunità di sponsorizzazione sportiva disponibili per te e il tuo marchio – dovresti metterti in contatto con un’agenzia indipendente di marketing sportivo o con un’agenzia di sponsorizzazione specializzata come RTR Sports.

La prima domanda che ti farai, ovviamente, è “quanto costa?”. Ma la prima domanda che ti verrà posta è “qual è il tuo obiettivo con questo?”. Vedete, come per tutte le partnership nello sport globale, non esistono pacchetti di sponsorizzazione: tutto è fatto su misura. Gli accordi in Formula E sono altamente flessibili e hanno livelli di ingresso competitivi, quindi tutto dipende dai diritti di marketing che desideri e dai vantaggi di cui hai bisogno nel contratto.

Inoltre, per ogni centesimo speso in sponsorizzazione, dovresti anche considerare di investire un po’ di denaro nell’attivazione della stessa. Mentre l’attività di attivazione della sponsorizzazione è praticamente la stessa in tutti gli sport motoristici, va notato che -per esempio- le opportunità di attivazione in Formula E sono leggermente diverse, ad esempio, da quelle in Formula 1, a causa della struttura dello sport, della natura dei circuiti e in generale per come il campionato è strutturato e trasmesso.

Cos’è il Fan Boost della Formula E?

Il Fan Boost della Formula E è uno strumento molto intelligente di gestione dello sport. Nei giorni prima della gara e fino a 15 minuti dall’inizio della corsa, i fan possono votare il loro pilota preferito tramite l’app FIA Formula E o il sito web.

Piuttosto che un semplice sondaggio o concorso, i piloti che ricevono la maggior parte dei voti ottengono un vantaggio effettivo in pista. Per un numero limitato di secondi, le loro auto avranno una potenza extra, consentendo loro di effettuare quel sorpasso critico e di tenere a bada un avversario in corsa.

I piloti possono scegliere quando utilizzare il potenziamento della ventola durante la gara e questo può essere apprezzato visivamente attraverso una luce LED viola sull’Halo.

Puoi comprare un’auto di Formula E

Stranamente, sì, puoi. Almeno sulla carta.

Un articolo di Bloomberg del 2018 ha originariamente fatto alzare più di un sopracciglio quando affermarono che acquistare una vettura di Formula E è effettivamente possibile. Se avessi 250 mila $ in tasca – recitava l’articolo – potresti anche procurarti un’auto di Formula E per farti un giro amichevole sulla pista locale del tuo paese.

Ebbene, i ragazzi di Bloomberg non si erano sbagliati. Ora, non è come se potessi entrare in un normale negozio di auto e così scegliere modello e colore. Piuttosto, se conoscessi qualcuno che ha le giuste conoscenze, potresti idealmente mettere le mani su una delle 40 auto che la Formula E ha usato per le prime due stagioni del mondiale.

Non è una novità per i fanatici delle corse e gli appassionati di Formula 1 sanno molto bene che diversi team prevedono programmi per clienti estremamente facoltosi che vogliono provare l’emozione di possedere un’auto di Formula 1. La Ferrari, ad esempio, ne ha uno, dove è possibile guidare l’auto che ha portato a Michael Schumacher diversi titoli o la contender che permise ad Eddie Irvine di sfiorarlo nel 1999. Peccato.

Sicuramente, queste auto non sono omologate per la strada e hanno bisogno di un team di meccanici e ingegneri solo per la fase di accensione. Ma questo non è niente che i soldi alla fine non possano comprare.

Recent Posts

Leave a Comment

Let's get in touch!

Can't find what you're looking for? Send us a quick message and we'll get back to you in minutes.

MotoGP TOP ridersRiccardo Tafà RTR Sports Marketing