In Formula 1
esplosione-gomma-pirelli-silverstone-f1-2013

esplosione-gomma-pirelli-silverstone-f1-2013

Bisogna decidersi, questo mi par chiaro. Bisogna decidersi sul ruolo di queste gomme all’interno del Campionato motoristico più prestigioso al mondo e sul futuro della Formula 1 come punta planetaria dell’automobilismo. Bisogna decidere se è gioco di ruolo o se gara di velocità fra le macchine ed i piloti migliori. Senza far polemica, non è accettabile che 5 pneumatici 5 esplodano nello stesso Gran Premio. O è F1, o è partita a dadi. Delle due l’una.

Proprio nel weekend del trionfo della MotoGP (poichè, sissignori, il weekend di Assen è stato qualcosa di stupefacente), a Silverstone va in onda un Gran Premio confuso, pasticcione e pasticciato, frutto anche della mattanza gommata Pirelli. Lo vince Rosberg, cui gli dei delle quattro ruote pare rivolgano il loro favore nelle giornate in cui, come a Monaco, si capisce poco o nulla. Secondo Webber, poi Alonso, Hamilton, Raikkonen, Massa, Sutil, Ricciardo. Vettel ci mette poco a capire che la giornata non è un gran chè: prima si presenta ai box con un grande taglio sulla gomma posteriore sinistra, poi rompe il cambio e parcheggia a metà rettilineo. Safet Cay e amen.

Al rientro, a 7 giri dalla fine, va in onda il Gran Premio vero: una mini corsa in cui Alonso e Webber danno spettacolo e il pubblico se la gode. L’asturiano conduce una straordinaria rimonta e l’australiano fa vedere che ha ancora qualche coniglio nel cilindro da estrarre. Magra consolazione: è purtroppo evidente che il cavallino odierno, senza il cirque-flamboyant andato in scena, avrebbe fatto fatica a piazzarsi sul podio.

In ogni caso, così non ci siamo. E’ opinione personale di chi scrive che un conto sia cercare di apportare qualche modifica al regolamento in qua e in là, mentre tutt’altro è riempire lo sport di variabili impazzite e incontrollabili. Le gomme, oggi, sono una di quelle variabili. Spinta dalla continua pressione della Federazione a produrre coperture “spettacolari e imprevedibili“, Pirelli ha generato un prodotto che (è sempre mia opinione) sta mettendo in ombra il campionato stesso. Fra pneumatici che esplodono, gomme che durano 6 giri, test segreti e infinite telenovele sulle novità da introdurre, è diventato un campionato di “gommisti“. Questo, purtroppo, non è sostenibile. Diceva una volta Montezemolo, parlando del ruolo dell’aerodimanica, che “qui non facciamo aeroplani o satelliti, qui facciamo macchine“. Le gomme, come l’aerodinamica, il carburante, l’elettronica, le propulsioni, devono essere parte -e non protagonisti- di un campionato di automobilismo.

A Silverstone Pirelli ha portato gomme di nuova concezione che non erano mai state del tutto testate (almeno apertamente): la casa italiana dice di aver avuto in tasca anche altre soluzioni che però non sono state accettate unanimemente da tutte le scuderie. Come sempre, capire dove stia il vero è cosa impossibile.

By Emanuele Venturoli – RTR Sports Marketing
You can follow me on twitter at www.twitter.com/RTR_motogp
Pictures from the web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Dal 1995 aiutiamo le aziende di tutti i settori ad assicurarsi i migliori contratti di sponsorizzazione, collegandole con il meglio degli sport motoristici internazionali. Cliccate sul pulsante sottostante per mettervi in contatto oggi stesso con uno dei nostri specialisti in sponsorizzazioni.

Contatta uno dei nostri specialisti

Emanuele Venturoli
Emanuele Venturoli
Laureato in Comunicazione Pubblica, Sociale e politica all’Università di Bologna, da sempre è appassionato di marketing, design e sport. Già prima di terminare gli studi inizia a lavorare nel marketing sportivo e scopre l’importanza di tutto quello che c’è al di fuori dal campo di gioco. Dal 2012 è in RTR Sports, di cui oggi è Head of Communication e Marketing Officer per i progetti legati alla Formula 1, alla MotoGP e al meglio degli altri sport a motore a due e quattro ruote.
Recent Posts

Leave a Comment

f1_new_jersey
Formula 1: Non è un paese per gommisti. Nel disastro Pirelli vince Rosberg, ma così non ci siamo., RTR Sports