In Calcio

Sports Marketing: David Beckham, A Real Sports Marketing Ambassador., RTR Sports

David Beckham Real Ambassador? Ora vi spiego come è stato scelto per promuovere il marchio Psg nel mondo e perchè. Parliamo di Sports Marketing. Londra, Manchester, Madrid, Los Angeles, Milano e adesso Parigi. No, non sto programmando le vacanze, anche se non vi nego  che mi sarebbe piaciuto molto aver di questi pensieri il Giovedì mattina. Le meravigliose città elencate qui sopra, magari Manchester un pò meno,  non sono altro che le tappe riportate in ordine rigorosamente cronologico di una carriera fantastica sia da un punto di vista sportivo, che da un punto di vista del marketing.

Avrete certamente intuito che sto parlando di David Beckham, non  il semplice nome del più celebre dei giocatori inglesi ma oramai un vero e proprio brand. Come anticipato, l’ultima tappa di un viaggio professionale entusiasmante è quel Psg in salsa orientale ormai equivalente francese del Manchester City pre-titolo. Investimenti enormi sul mercato, cifre assolutamente spropositate se rapportate alle guidelines  indicate dal tanto pubblicizzato Fair Play Finanziario e il bisogno pressochè immediato di un ritorno economico in aggiunta alle eventuali ( obbligate è il termine più indicato) vittorie. Ecco perchè un Ibrahimovic, un Lavezzi, un Thiago Silva o un Verratti ( a proposito, complimenti per il primo gol in nazionale)  non bastano più. Chiaramente a questo punto, il discorso non è tecnico. Già, perché il bel David il suo contributo al mondo del calcio lo ha già dato ampiamente, non è di sicuro il craque che fa la differenza in un campionato dalla competitività crescente quale è la Ligue 1, sebbene le perfette condizioni fisiche ed un piede destro educatissimo ne fanno ancora il re del cross.

Beckham, molto semplicemente, è stato ingaggiato per promuovere il marchio Psg nel mondo, creando così un binomio piuttostoSports Marketing: David Beckham, A Real Sports Marketing Ambassador., RTR Sports affascinante. La volete più semplice, magari attinente al nostro mondo? E’ come se un’azienda, pianificando una strategia di marketing il cui obiettivo commerciale è un aumento importante in termini di brand awareness e valori positivi associati, decidesse di optare per una sponsorship ponendo il proprio marchio sul team dalla maggiore esposizione. Parallelismo non casuale naturalmente, perchè sia il Psg che lo Spice Boy, possono tranquillamente essere identificati come due aziende indipendenti. Le cifre pubblicate dalla Gazzetta Martedì scorso, fonti Forbes e France Press, mi hanno colpito in maniera significativa perché danno una misura reale di quanto quello descritto non sia troppo distante dalla realtà. Parametri semplici e misurabili, introiti annuali da sponsor e maglie vendute, si scopre che la Holding Beckham da sola vale per fatturato praticamente un terzo di quanto messo a bilancio dalla squadra parigina nella stagione 2010-11.  Giocatore strapagato, verissimo, ma che garantisce poi alla società di appartenenza di rientrare ampiamente dal punto di vista dell’advertising e del merchandising. Sempre Forbes anni fa, pubblicò uno studio in cui si calcolava che nei quattro anni di permanenza a Madrid tra le file dei Galacticos, produsse benefici che causarono un incremento di profitti del 137%.  Avete letto bene, centotentrasette per cento. Mica bruscolini.

Insomma, un’operazione che pare aver già attivato l’automatico meccanismo mediatico per cui Leonardo e il presidente Al-Khelaïfi hanno deciso di ingaggiare l’asso inglese, che tanto per confermare che la classe non è acqua, devolverà lo stipendio di questi sei mesi (si parla di circa 800.000 Euro ogni quattro settimane) ad una associazione benefica che si occupa di bambini bisognosi. Pardon, non vi avevo ancora detto che David è, tra le altre cose, ambasciatore Unicef da quasi vent’anni.

Ambasciatore, mai termine fu più azzeccato per quest’uomo.

 

By Alberto Malaguti – RTR Sports Marketing

Nelle Foto: in alto, Beckham durante la presentazione al Psg. In basso con le maglie di Manchester United e Real Madrid – Fonte il Web

Sei interessato alla sponsorizzazione? Parliamone!

Compila il form qui in basso per ricevere notizie e aggiornamenti sul mondo del marketing sportivo, o per richiedere una consulenza.
Un membro del nostro staff ti ricontatterà in pochi minuti.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Dal 1995 aiutiamo le aziende di tutti i settori ad assicurarsi i migliori contratti di sponsorizzazione, collegandole con il meglio degli sport motoristici internazionali. Cliccate sul pulsante sottostante per mettervi in contatto oggi stesso con uno dei nostri specialisti in sponsorizzazioni.

Contatta uno dei nostri specialisti

Emanuele Venturoli
Emanuele Venturoli
Laureato in Comunicazione Pubblica, Sociale e politica all’Università di Bologna, da sempre è appassionato di marketing, design e sport. Già prima di terminare gli studi inizia a lavorare nel marketing sportivo e scopre l’importanza di tutto quello che c’è al di fuori dal campo di gioco. Dal 2012 è in RTR Sports, di cui oggi è Head of Communication e Marketing Officer per i progetti legati alla Formula 1, alla MotoGP e al meglio degli altri sport a motore a due e quattro ruote.
Recent Posts

Leave a Comment

Sports Marketing: David Beckham, A Real Sports Marketing Ambassador., RTR Sports
Sports Marketing: David Beckham, A Real Sports Marketing Ambassador., RTR Sports