In MotoGP, Sports Marketing

Valentino Rossi, detto “The Doctor”, ha esercitato un’influenza sul mondo dei motori che va ben oltre il suo ultimo giro in pista. Nonostante si sia ritirato dalle corse professionistiche più di due anni fa, Rossi rimane un personaggio di spicco nel mondo del sponsorizzazione della MotoGP e del marketing. Il suo marchio VR46 e il suo team di MotoGP hanno recentemente annunciato una partnership esclusiva con il gigante globale dell’e-commerce, eBay. La portata di questa collaborazione ha suscitato ampie speculazioni e curiosità sulle sue ramificazioni nel settore e, paradossalmente, sul futuro del team VR46 di Rossi.

sponsorizzazione ebay vr46 motogp

Più grande del gioco

Partendo da una visione a volo d’uccello, la prima domanda che sorge inevitabilmente è: la personalità e l’influenza di Rossi sono più grandi della stessa MotoGP? La risposta, sorprendentemente, non è semplice. Da un lato, è innegabile che il nome di Rossi abbia un peso significativo nel mondo del motorsport. La sua carriera, costellata da nove campionati del mondo, rappresenta un’epoca della MotoGP che ha appassionato i fan per decenni.

Il carisma e la tenacia di Rossi non solo gli hanno fatto guadagnare legioni di fan, ma hanno anche conferito un notevole fascino di marketing al suo marchio VR46. Una curiosità: il numero 46 di Rossi è un omaggio a suo padre, Graziano Rossi, che correva con lo stesso numero. Il marchio VR46 è ormai diventato un simbolo riconosciuto a livello mondiale dell’illustre eredità sportiva di Rossi.

Il VR46 – Sponsorizzazione eBay

Avventuriamoci ora nella straordinaria unione tra VR46 ed eBay. Nell’ambito del marketing sportivo, i marchi fanno tipicamente leva sulla popolarità dei personaggi dello sport per ottenere visibilità e penetrazione nel mercato. Tuttavia, la partnership VR46-eBay è un caso a sé stante, in quanto Rossi, ormai ritiratosi, ha ancora un notevole potere di sponsorizzazione. Un fatto che la dice lunga sul fascino di Rossi è che, secondo un sondaggio di SportsPro Media, Rossi è stato nominato uno degli atleti più vendibili al mondo nel 2012 e nel 2013, al fianco di atleti del calibro di Lionel Messi e Usain Bolt.

La partnership è stata senza dubbio un colpo di genio per eBay, che sta cercando di avere un impatto sostanziale sul mercato del merchandising sportivo. L’immensa base di fan di Rossi garantisce un mercato pronto per eBay, rendendo l’affare una vera e propria miniera d’oro. Ma ecco la parte curiosa: Questa alleanza amplifica anche la presenza già dominante di Rossi nel marketing della MotoGP, tanto da mettere potenzialmente in ombra altri team e piloti, compreso il suo team VR46.

Le potenziali ricadute negative per la VR46 sono intriganti e controintuitive. Il problema non è la mancanza di popolarità, ma la sua eccessiva concentrazione. Il personaggio di Rossi è così grande che rischia di oscurare la visibilità della sua squadra. I futuri sponsor potrebbero essere riluttanti a investire nel team VR46 se ritengono che l’immagine imponente di Rossi possa oscurare il loro marchio. Questa preoccupazione non è del tutto infondata, data la potenza di marketing globale dell’alleanza VR46-eBay.

Questo scenario rappresenta una sfida interessante per il marketing sportivo. Come si fa a bilanciare i vantaggi di marketing di una personalità molto influente come Rossi, con il potenziale danno alla visibilità della sua squadra? Questo enigma sottolinea la complessità del rapporto tra il branding degli atleti e la sponsorizzazione delle squadre.

Approfondendo l’argomento, non possiamo fare a meno di fare un parallelo tra questa situazione e il fenomeno del personal branding nello sport, che negli ultimi dieci anni ha preso sempre più piede. In un certo senso, Rossi è stato un pioniere nel creare un marchio personale all’interno della MotoGP che potesse trascendere la sua carriera agonistica. Tuttavia, la domanda rimane: Questo personal branding metterà in ombra il marchio della squadra che possiede e gestisce?

Sponsorizzazione: Rischi e vantaggi

Consideriamo ora l’intrigante prospettiva di VR46, la squadra. Non si tratta semplicemente della squadra corse di Rossi, ma di un’estensione del suo ethos, una manifestazione della sua inflessibile passione per gli sport motoristici. Se da un lato il nome di Rossi conferisce alla squadra un vantaggio di marketing ineguagliabile, dall’altro potrebbe inavvertitamente eclissare le identità individuali dei piloti della squadra, ostacolando il loro percorso di creazione di una propria identità di marchio.

La situazione attuale ricorda quella che si è verificata in Formula 1 con Michael Schumacher e la sua Ferrari. Il connubio tra Schumacher e la Ferrari nei primi anni 2000 era così potente che i due marchi divennero quasi inseparabili. Ancora oggi, una conversazione casuale sulla storia della F1 gravita invariabilmente sugli anni dominanti di Schumacher alla Ferrari. Tuttavia, c’è stato un periodo di adattamento quando Schumacher si è ritirato e la Ferrari ha dovuto ristabilire l’identità del proprio marchio indipendentemente dal suo pilota di punta. Tuttavia, il caso della VR46 è molto più complesso, dato il doppio ruolo di Rossi come proprietario della squadra e del marchio.

Mentre continuiamo a osservare questa intrigante dinamica tra Rossi e il suo team VR46, vale la pena di notare l’imprevedibilità intrinseca del marketing sportivo. Mentre le manovre strategiche e le campagne ben calcolate possono gettare le basi, i risultati finali spesso dipendono dagli elementi imprevedibili di questo sport, come le prestazioni dei piloti, lo sviluppo della loro personalità e il flusso e riflusso del sentimento dei tifosi.

Il mio punto di vista è che la partnership VR46-eBay è, senza dubbio, un colpo di marketing sportivo. È una prova del fatto che Rossi non ha rivali nella MotoGP. Si tratta di una mossa che ha indubbiamente consolidato la posizione di eBay nel mercato del merchandising sportivo e ha rafforzato gli aspetti commerciali della MotoGP. Tuttavia, il compito che attende Rossi e la dirigenza della VR46 è quello di gestire meticolosamente le strategie di marketing per garantire che l’eredità di Rossi continui ad alimentare la squadra, ma non travolga il potenziale potere delle star dei suoi piloti.

Un genio del marketing sportivo?

Per concludere, direi che l’importanza di Rossi per la MotoGP non riguarda solo le sue incredibili statistiche di carriera o l’ampiezza della sua fanbase. La sua influenza si estende anche alla definizione delle dinamiche di marketing all’interno di questo sport. La partnership VR46-eBay sottolinea la costante rilevanza di Rossi nel panorama commerciale della MotoGP, che potrebbe essere sia un vantaggio che una rovina. La sfida consiste ora nel gestire l’immagine di Rossi in modo da amplificare il marchio senza mettere in ombra il suo team VR46. Solo il tempo rivelerà come si raggiungerà questo delicato equilibrio.

In conclusione, Valentino Rossi è davvero più grande della vita. Il suo impatto sulla MotoGP, sia come pilota che come proprietario di una squadra e ambasciatore del marchio, è ineguagliabile. Ma la vera genialità di Rossi risiederà nella sua capacità di sfruttare il suo marchio personale per favorire la crescita della sua squadra e dei suoi piloti, senza lasciarlo passare in secondo piano. Questo delicato compito sarà una vera e propria prova della bravura di Rossi, non solo come pilota, ma anche come leader, mentore e virtuoso del marketing. Solo allora potremo rispondere alla complessa domanda: Il “Dottore” è ancora più grande della MotoGP?

 

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Silvia Schweiger
Silvia Schweiger
Direttore Associato, Marketing Esecutivo e Commerciale di RTR Sports Marketing, una società di marketing sportivo con sede a Londra, specializzata in sport motoristici da oltre 25 anni.
Recent Posts

Leave a Comment

las vegas F1
24h le mans sponsorship