In Sport Sponsorship, Sports Marketing

La recente vittoria della Scuderia Ferrari alla 24 Ore di Le Mans è stata a dir poco sismica. La Ferrari è un nome noto nel mondo del motorsport da quasi un secolo, ma il suo impressionante trionfo al Circuit de la Sarthe, dopo quasi 50 anni dall’ultima vittoria, è una testimonianza della sua tenacia, dell’eccellenza ingegneristica e dell’ineguagliabile pedigree da corsa. Questa vittoria, soprattutto nella categoria hypercar di recente introduzione del Campionato Mondiale Endurance (WEC) non è solo un risultato in pista, ma riveste un’importanza significativa per gli sforzi di marketing e il posizionamento del marchio Ferrari.

Un po’ di storia

La storia delle gare di durata della Scuderia Ferrari è iniziata nel 1949, con la prima vittoria a Le Mans ottenuta solo un anno dopo, nel 1950. Dopo un’epoca d’oro, che ha visto il Cavallino Rampante ottenere una storica serie di nove vittorie tra il 1960 e il 1965, la Ferrari è diventata sinonimo di gare di durata. Eppure, il leggendario marchio non ha mai conquistato il primo posto nella più antica gara di auto sportive in attività al mondo dal 1965, fino a oggi.

5d02a423d5453

Perché Le Mans

Vincere a Le Mans è già di per sé un colpo di marketing. L’evento, spesso definito il “Grand Prix of Endurance and Efficiency”, è seguito da milioni di persone in tutto il mondo. Nel 2022 ha attirato un pubblico di oltre 9,1 milioni di spettatori cumulati ed è stato trasmesso in 196 Paesi. Le Mans non è solo una gara, ma uno spettacolo, una 24 ore che testimonia lo spirito di competizione e l’abilità tecnologica.

Il ritorno alle gare di durata e la vittoria nella categoria delle hypercar hanno anche permesso alla Ferrari di mettere in mostra i suoi veicoli di produzione ad alte prestazioni e ultra-lusso, il cuore del business delle auto da strada della Ferrari. La categoria delle hypercar, essendo più strettamente legata ai modelli da strada, offre ai costruttori un’ottima piattaforma per dimostrare le proprie capacità tecnologiche. È un messaggio forte per i clienti e gli appassionati, che rafforza l’immagine di supremazia del marchio in termini di velocità, innovazione e affidabilità.

Il risultato

La vittoria della Ferrari ha già portato una valanga di attenzione da parte dei media, non solo quelli sportivi ma anche quelli tradizionali, amplificando ulteriormente gli sforzi di marketing. Questa vittoria aumenta anche il fascino della storia del marchio Ferrari. Niente vende meglio di un ritorno, e il racconto della Ferrari che torna a dominare a Le Mans dopo cinque decenni è una storia eccezionale, che aumenta il valore del marchio e il legame emotivo con i fan.

Ora, se da un lato la vittoria a Le Mans rappresenta un’importante spinta per il marketing della Ferrari, dall’altro rappresenta un cambiamento strategico nell’orientamento delle corse. Considerate le prestazioni poco brillanti in Formula 1 negli ultimi anni, questo potrebbe essere visto come un riallineamento degli sforzi verso una serie di gare in cui potrebbero competere con maggior successo. Questo non significa sminuire l’importanza della F1. Questo sport rimane l’apice delle corse automobilistiche e vanta un’enorme base di fan, con una stima di 1,9 miliardi di spettatori nel 2019.

Tuttavia, Le Mans e le gare di durata offrono qualcosa di diverso. Mentre la F1 è uno sprint, Le Mans è una maratona che mette alla prova non solo la velocità ma anche l’affidabilità, la durata e l’efficienza. Si tratta di lavoro di squadra, pianificazione strategica e superamento delle difficoltà. Il marchio mette in luce diversi aspetti della sua forza, che a volte possono andare persi nel mondo frenetico e veloce della F1.

Inoltre, il passaggio alle gare di resistenza si allinea bene con il movimento generale dell’industria automobilistica verso la sostenibilità e l’efficienza. La classe di hypercar in cui è entrata la Ferrari enfatizza la tecnologia ibrida, riflettendo le tendenze dell’industria automobilistica in generale e facendo eco alla spinta della stessa Ferrari verso auto stradali più sostenibili.

5d05e250526e4

In confronto, la F1 è ancora alle prese con il suo posto in un mondo sempre più consapevole delle questioni ambientali. Nonostante gli sforzi compiuti da questo sport per l’utilizzo di propulsori ibridi e di biocarburanti, la sua reputazione di spettacolo a inquinante rimane. Le gare di endurance, d’altra parte, hanno tradizionalmente posto una maggiore enfasi sull’efficienza e ora sulla sostenibilità, il che le rende più interessanti per un pubblico sempre più attento all’ambiente.

Dal punto di vista del marketing sportivo  sia la F1 che le gare di endurance offrono opportunità e sfide uniche.
La F1 è tutta una questione di velocità, tecnologia e fascino. È spesso visto come l’apice degli sport motoristici e ha un certo prestigio che è difficile da replicare.
Le Mans e le gare di durata, tuttavia, sono più incentrate sulla resilienza, sull’innovazione e sull’elemento umano del motorsport. Il fascino sta nella storia di un team che lotta contro le probabilità di mantenere un’auto in funzione per 24 ore di fila.

A mio parere, il trionfo della Ferrari a Le Mans è un colpo da maestro. Non solo ringiovanisce le loro credenziali nel campo degli sport motoristici, ma offre anche una piattaforma per mostrare la loro abilità tecnica in un modo che è sempre più in linea con le tendenze del mercato odierno.
Sebbene la Scuderia sia attualmente in ritardo in F1, il suo successo a Le Mans potrebbe essere la chiave per sbloccare una nuova serie di opportunità di marketing.

La vittoria della Ferrari a Le Mans dimostra che non si tratta solo di essere veloci, ma anche di essere resistenti, adattabili e lungimiranti. Si tratta di qualità che risuonano con i consumatori e gli appassionati di oggi.
A prescindere dalle prestazioni in F1, il cavallino rampante galoppa in altre forme di corse e continua a mantenere il suo status leggendario negli annali del motorsport. Questa vittoria a Le Mans non è solo una vittoria, è una dichiarazione: la Ferrari è tornata, ed è qui per restare.

Inoltre, il racconto della rinascita rafforza l’appeal del marchio Ferrari. Questo strumento dà nuovo vigore alle loro campagne di marketing, consentendo loro di rappresentare una storia di rinascita e di resilienza – che la Ferrari è in grado di affrontare qualsiasi sfida, un messaggio che risuona con la loro appassionata fanbase e si rivolge a nuovi potenziali seguaci.

La vittoria a Le Mans non solo rafforza il prestigio della Ferrari nell’industria automobilistica, ma espone anche il marchio a un’altra fascia demografica di appassionati di sport motoristici che apprezzano la resistenza, l’affidabilità e l’innovazione tecnica.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Riccardo Tafà
Riccardo Tafà
Managing Director di RTR Sports, Riccardo si è laurea in giurisprudenza all'Università di Bologna. Inizia la sua carriera a Londra nelle relazioni pubbliche, poi si sposta nel settore delle due e quattro ruote. Si trasferisce brevemente a Monaco prima di tornare in Italia. Lì fonda RTR, prima una società di consulenza e poi un'azienda di marketing sportivo che, alla fine, trova una nuova e definitiva sede a Londra.
Recent Posts

Leave a Comment

ebay vr46 motogp sponsorship
Lando norris F1 sponsorship