In Formula 1, Motorsports, Sponsorizzazioni Sportive

Aaaaaaah, la Formula 1, l’apice del motorsport, la più alta forma di corse su quattro ruote e, senza dubbio, uno degli sport più popolari al mondo. Mentre alcuni sostengono che le corse automobilistiche siano nate il giorno in cui è stata costruita la seconda vettura, c’è qualcosa nella Formula 1 che la rende così attraente e affascinante, eppure così lontana dall’autosport tradizionale.

Un emozionante mix di avanguardia tecnologica, glamour, adrenalina e lusso, la Formula 1 non è solo uno sport, ma una piattaforma di marketing di fascia alta, una suite d’affari di prim’ordine e un tappeto rosso mai tramontato per celebrities e ricchi.

Non sorprende quindi che da sempre i marchi di tutto il mondo abbiano fatto la fila alle porte di team e organizzazioni per concludere accordi di sponsorizzazione multimilionari in Formula 1. Dagli anni Sessanta, la F1 ha condiviso la sua strada con le più grandi aziende e industrie e brand del mondo, a partire dal tabacco per passare a banche, vettori, società tecnologiche e ora commercianti di Forex e marchi di criptovalute.

Le regole della Formula 1 e l’importanza della competitività

Alcuni dicono che gran parte del fascino e della bellezza della Formula 1 derivano dalle sue difficoltà interne, dai molti dettagli di un regolamento altamente strutturato e dalle sfide poste da un gioco più strategico e tattico che basato sulla forza bruta di oltre 1000 cavalli. Altri pensano che le corse siano diventate troppo complesse e lontane dalla sua idea più pura, che dovrebbe basarsi sostanzialmente sul “vediamo l’auto più veloce da qui a lì”. DRS, MGU, mescole di pneumatici, doppie strategie, turbolenze di scia e altri aggeggi del genere, potrebbero essere il sogno selvaggio di ogni ingegnere, ma possono allontanare il fan occasionale.

Alla base di questo eterno dibattito c’è, ovviamente, la necessità di una crescente competitività. Un campo più vicino è più divertente da guardare, più interessante per gli sponsor di F1 e crea una narrazione elettrizzante. Questa è musica per le orecchie di agenzie di marketing sportivo, uffici commerciali e agenti in tutto il mondo.

Tuttavia, non si può negare che la Formula 1 possa essere uno sport difficile da guardare per i principianti, poiché c’è molto da capire e molto da fare allo stesso tempo. Proviamo quindi a fare un pò di luce sulla questione e ad elencare le domande più comuni sulle corse di Formula 1 e tutte le informazioni che avresti sempre voluto sapere.

Quanto dura una gara di Formula 1?

Le gare di Formula 1 sono lunghe circa 310 km e durano in media 90 minuti (mai più di 2 ore per motivi di sicurezza). Il numero di giri ovviamente dipende dalla lunghezza della pista. Le auto di F1 devono girare intorno a Monaco 78 volte, ad esempio, mentre ci vogliono solo 44 giri del Circuit de Spa Francorchamps per completare il Gran Premio del Belgio.

Come funzionano i punti in Formula 1?

I punti in Formula 1 vengono assegnati in base alla posizione finale del pilota -per il campionato piloti- e di entrambi i piloti della squadra -per il campionato del mondo costruttori. Al vincitore del Gran Premio vengono assegnati 25 punti, 18 al 2°, 15 al 3°, 12 al 4°, 10 al 5°, 8 al 6°, 6 al 7°, 4 all’8°, 2 al 9° e 1 punto per la 10° posizione. Non vengono assegnati punti per i piloti dall’11° all’ultima posizione. A partire dalla stagione di Formula 1 2021, viene assegnato 1 punto aggiuntivo al detentore del giro più veloce della gara se riesce a finire tra i primi 10.

Quante gare ci sono in una stagione di F1?

Per la stagione 2021 è previsto un calendario di 22 gare, con possibili variazioni dovute agli effetti della pandemia di COVID e/o all’omologazione del circuito. La stagione è iniziata sulle sabbie del Bahrain il 28 marzo e si concluderà, come sempre, nella Yes Marina di Abu Dhabi.

Quanti piloti e squadre ci sono in Formula 1?

20 piloti scendono in griglia ogni weekend di gara, due piloti per ogni squadra. Tuttavia, in questa stagione ci sono attualmente 21 piloti elencati come partecipanti al Gran Premio poiché Robert Kubica dell’Alfa Romeo ha sostituito Kimi Raikkonen per alcune gare durante la stagione.

Come funzionano le qualifiche di F1?

Le sessioni di qualificazione F1 sono divise in tre parti, chiamate “Q”. Durante ogni Q, i piloti cercano di registrare il tempo sul giro più veloce con i 5 piloti più lenti che vengono eliminati. La Q finale vede quindi i 10 piloti più veloci del pomeriggio lottare per la pole position, il che significa che il pilota più veloce del pomeriggio partirà dalla prima posizione in griglia domenica.

Che cos’è un pit stop di Formula 1?

I pit-stop si verificano durante le gare, quando un pilota entra nell’area della corsia dei box e ferma l’auto davanti al garage, consentendo agli ingegneri e ai meccanici di eseguire il cambio delle gomme o altre modifiche. Il rifornimento è vietato nelle moderne gare di Formula 1, mentre le regole autorizzano modifiche o messe a punto delle ali.

Le auto di Formula 1 sono a 4 ruote motrici?

No, le vetture di Formula 1 non sono a trazione integrale: tutte le vetture in griglia sono a trazione posteriore. Solo 8 produttori dagli anni ’50 hanno provato la trazione integrale in Formula 1, con risultati molto scarsi.

Chi è l’attuale campione di Formula 1?

Lewis Hamilton della Mercedes è l’attuale campione di Formula 1. Il pilota britannico ha conquistato 7 titoli mondiali, diventando l’atleta di maggior successo in questo sport.

La Formula 1 è più veloce della Nascar?

Sì, la Formula 1 è più veloce della Nascar. Grazie a una migliore aerodinamica, un peso più leggero e un motore più efficiente può raggiungere velocità massime di 372 Km/h (Valtteri Bottas al Gran Premio del Messico). Sul fronte dell’accelerazione, le auto di F1 passano da 0 a 100 km/h in 2,5 secondi, mentre una Nascar impiega 3,4 secondi per raggiungere la stessa velocità. Dove le monoposto di F1 brillano davvero, grazie all’ingegneria all’avanguardia, sono le velocità in curva.

Chi sponsorizza la Formula 1?

Aziende e marchi noti di tutto il mondo sponsorizzano la Formula 1. Da Rolex ad Aramco, da DHL a Heineken a molti altri. L’organizzazione della F1 può contare su diversi partner premium, che beneficiano di visibilità internazionale, opportunità B2B e B2C di alto livello e molte possibilità di attivazione.

Le auto di Formula 1 sono ibride?

Sì, le attuali vetture di Formula 1 sono spinte da motori V6 Turbo Hybrid. Sono in funzione contemporaneamente due Sistemi di Recupero Energia, uno per l’energia cinetica e uno per l’energia termica, contribuendo alla tecnologia di combustione “tradizionale”.

Quanto costano le auto di F1?

È difficile indovinare poiché quasi ogni singolo componente su una monoposto di F1 è su misura, progettato e prodotto dai team stessi e quindi unico. Tuttavia, diverse riviste suggeriscono che il cartellino del prezzo per un’auto di centrocampo potrebbe variare da € 10 a € 12 milioni. Si dice che il volante da solo sia di circa € 95.000

Quante vittorie ha Lewis Hamilton?

Lewis Hamilton della Mercedes ha vinto la sua centesima gara al Gran Premio di Russia 2021 a Sochi, diventando il primo pilota nella storia della F1 a raggiungere un traguardo così impressionante.

In conclusione

La Formula 1 è una piattaforma complessa ed emozionante. Più che uno sport, è l’apice dell’industria automobilistica, il mondo dei sogni per ogni appassionato di motorsport. È anche una base perfetta per costruire nuovi affari, per intrattenere i tuoi ospiti, per interagire con il pubblico di tutto il mondo e per produrre una narrazione emozionante. Se sei curioso di capire come la tua azienda potrebbe utilizzare la Formula 1 per crescere e fare business, contattaci oggi stesso a info@rtrsport.com

Emanuele Venturoli
Communication Manager for RTR Sports Marketing. A degree in Communication at the University of Bologna and a passion for sport brought me where I'm today.
Recent Posts

Leave a Comment

Let's get in touch!

Can't find what you're looking for? Send us a quick message and we'll get back to you in minutes.

sponsor brand più famosi motogpcostruire un programma di sponsorizzazione in MotoGP