In Formula1, Sport Sponsorship, Sports Marketing

La nuova era della Formula 1 è fortemente orientata verso gli Stati Uniti d’America. Dai proprietari della serie Liberty Media a un calendario nuovo di zecca che ora aggiunge Miami e Las Vegas alla lista, il percorso della F1 verso il futuro ha molto a che fare con il modo in cui l’America vede lo sport in generale e il marketing sportivo in particolare. Più competitivo, più divertente, più spettacolare e, soprattutto, più orientato alle sponsorizzazioni.

Quest’ultimo è un aspetto che è mancato alla F1 per un po’ di tempo ed era ora di cercare di colmare questo divario. E finora i risultati sono molto incoraggianti. Negli ultimi mesi, abbiamo visto alcuni dei più grandi nomi del marketing sportivo americano unire le forze con la Formula 1. Chase Elliott, star della NASCAR, è diventato ambasciatore globale, Odell Beckham Jr., ricevitore della NFL, ha collaborato con Lewis Hamilton e la Formula 1 ha persino collaborato con la WWE (sì, avete letto bene).

Tutto questo fa parte di una strategia molto più ampia per rendere la F1 più attraente per gli sponsor, sia per quanto riguarda lo sport in sé, sia per il modo in cui viene commercializzato e presentato al mondo.

Per ora, sta andando tutto molto bene.

Non è un paese per vecchi

Gli americani non hanno mai amato molto le corse di Formula 1, uno sport che è parte integrante del patrimonio europeo e che ha molto a che fare con il modo in cui gli italiani, i francesi, gli inglesi e i tedeschi vedono l’automobilismo. Non è che il racing e non sia popolare negli Stati Uniti, è semplicemente diverso. Ancora una volta, è una questione culturale: agli americani piacciono gli sport veloci e adrenalinici e non troppo complicati. Hanno le corse, ma per la maggior parte del tempo si tratta di NASCAR, Indy e gare di accelerazione. Inoltre, come è facile immaginare, gli accordi di sponsorizzazione della Formula 1 provenienti dagli Stati Uniti non sono stati numerosi.

Gli Stati Uniti hanno già avuto un ruolo significativo nella F1. Negli anni ’50 e ’60, molti dei migliori piloti del mondo erano americani, come Phil Hill, Dan Gurney e Mario Andretti. C’erano anche squadre con un forte coinvolgimento americano, come la BRM, che era in parte di proprietà della squadra corse Parnelli Jones, e la Cooper, che aveva Carroll Shelby tra i suoi finanziatori.

La prima gara disputata sul suolo statunitense si svolse a Watkins Glen nel 1961 e fu vinta da Hill su Ferrari. La gara divenne un evento annuale e continuò fino al 1980, quando si trasferì a Detroit. Tuttavia, nonostante la forte presenza americana nei primi anni della Formula 1, questo sport non ha mai preso piede negli Stati Uniti, anche perché non c’erano piloti o squadre americane da sostenere.

Benvenuti in una nuova era di corse a 4 ruote

La Formula 1 ha corso un rischio calcolato ma, come dice il meme, i ragazzi sono piuttosto bravi in matematica. Dopo un paio d’anni di rinnovamento estremo – che ha comportato l’adozione di nuovi loghi e nuove grafiche e un sacco di trovate di marketing che nessuno riusciva a comprendere – la trasformazione è stata completata. Una nuova serie di regole che consentono gare più serrate, nuove auto in grado di darsi battaglia a pochi centimetri l’una dall’altra, un nuovo calendario e un nuovo formato di gara, tra le altre cose, hanno portato un nuovo prodotto in pista per il 2022. È un nuovo inizio e i fan lo adorano.

Il prodotto è così buono, infatti, che è riuscito ad attirare su questo sport alcuni dei più grandi nomi della sponsorizzazione. In precedenza, la F1 negli Stati Uniti era praticamente una produzione di Bernie Ecclestone, che possedeva il circus, e i diritti televisivi. Ma ora, grazie ai nuovi investimenti di Liberty Media e di altre aziende statunitensi, lo sport sta crescendo rapidamente in popolarità.

E non sono solo i grandi nomi a essere interessati. Anche le piccole imprese stanno entrando in gioco: una caffetteria locale di Austin, in Texas, ha recentemente firmato un accordo per diventare sponsor ufficiale del Gran Premio degli Stati Uniti.

Non c’è dubbio: la Formula 1 è in ascesa negli Stati Uniti. E con l’ingresso di alcuni dei più grandi nomi della sponsorizzazione, non potrà che diventare sempre più grande e migliore.

Nuove gare di F1 negli Stati Uniti, nuovo pubblico

Come previsto, l’aggiunta della gara di Miami al calendario 2022 ha aumentato l’interesse degli Stati Uniti per la Formula 1. La città magica è lo scenario perfetto per la Formula 1: divertente, vibrante, colorata e piena di VIP, proprio come Stefano Domenicali e i dirigenti della F1 vogliono che sia la loro serie.

È stato un successo spettacolare, con oltre 250.000 spettatori che hanno assistito al weekend intorno all’Hard Rock Stadium (fonte: Sports Illustrated) e milioni di persone che hanno seguito la gara da casa. Le attivazioni di sponsorizzazione con le star dell’NBA, le celebrità di Hollywood e molto altro ancora sono fioccate, mentre i team e i piloti si sono dati battaglia su Instagram e Twitter per ottenere un numero ancora maggiore di like, di condivisioni e di notorietà del marchio a livello globale.

Persino l’amministratore delegato di Liberty Media, Chase Carey, è rimasto sorpreso dall’enorme affluenza e ha dichiarato che “è un grande giorno per la Formula 1 in America” (fonte: CNN).

La grande notizia è che questo è solo l’inizio. Il Gran Premio degli Stati Uniti continuerà a svolgersi sul Circuit of the Americas di Austin, in Texas (già una gara classica con 6 edizioni consecutive), ma ora sarà alternato con la gara di Miami, diventando un evento biennale.

Nel 2023 si aggiungerà un Gran Premio a Las Vegas, con una gara in notturna nell’emozionante circuito stradale che comprende la famosa Strip. La gara inizierà alle 20.00 ora locale (2.00 GMT).

Con queste tre gare principali, più le gare di supporto e il Formula 1 Paddock Club, la Formula 1 consolida la sua presenza negli Stati Uniti, un mercato strategico per la crescita di questo sport.

Si stima che l’audience statunitense della F1 sia cresciuta del 20% dall’introduzione del Gran Premio di Miami (fonte: Business Standard), e questo numero è destinato ad aumentare nei prossimi anni, man mano che lo sport diventerà più popolare in America.

L’effetto “Drive to Survive

La serie campione d’incassi di Netflix “Drive to Survive” ha avuto un ruolo fondamentale nella crescita della Formula 1 negli Stati Uniti e ha spianato la strada a una rapida introduzione di questo sport tra i non appassionati di F1. Il 47% degli spettatori della serie non era un fan della F1 prima di guardare lo show, mentre l’85% ha mostrato un livello di coinvolgimento maggiore dopo la visione.

Per 16 giorni “Drive to Survive” ha occupato la top 10 mondiale di Netflix, portando gli spettatori dietro le quinte della vita di un team di F1 e mostrando le occasionali faide tra l’amministratore delegato di questo team e quel pilota. È uno show sensazionale, prodotto con maestria e realizzato in modo intelligente per incuriosire sia gli appassionati di Formula Uno che gli spettatori occasionali.

Ma “Drive to Survive” non è solo un grande intrattenimento. La serie ha avuto un effetto profondo sul modo in cui la Formula Uno viene commercializzata e percepita negli Stati Uniti e sta giocando un ruolo importante nell’attrarre nuovi sponsor in questo sport.

La Formula Uno e diventata uno degli sport più chiacchierati negli Stati Uniti e sta attirando una nuova ondata di sponsor.

Il primo è stato Heineken, che ha annunciato un importante accordo di sponsorizzazione con la Formula Uno nel 2017. Poi è arrivata AT&T come partner ufficiale per le comunicazioni. E ora Budweiser, uno dei marchi più iconici d’America, è diventato uno dei principali sponsor della Formula Uno.

L’accordo con Budweiser è particolarmente significativo, poiché è la prima volta che il marchio viene associato alla Formula Uno. È anche un segno che la Formula Uno sta iniziando ad attrarre una gamma più ampia di sponsor, oltre a quelli dell’industria automobilistica.

La sponsorizzazione della Formula 1 e tutto ciò che ne consegue

Se la Formula 1 è relativamente nuova per il pubblico americano, non lo è la sponsorizzazione sportiva. Al contrario, il marketing sportivo ha la sua casa negli Stati Uniti e sia gli operatori di marketing che il pubblico sono ben lungimiranti in questo senso.

Non c’è dubbio che l’espansione della Formula Uno nel mercato statunitense possa portare una nuova scintilla e un’ulteriore spinta al settore, e che nei prossimi mesi e anni seguiranno nuove e più eccitanti attivazioni, programmi e uso dei diritti di marketing. Miami, ancora una volta, ne è stato un esempio massiccio, con squadre, sponsor e promotori che hanno creato una bonanza di attività promozionali che il circo non aveva mai visto nei suoi anni di permanenza in Medio Oriente o in Sud America.

Lo stesso si può dire di Austin, Texas. Il Circuit of The Americas (COTA), l’impianto di F1 appositamente costruito che ha ospitato il suo primo gran premio nel 2012, è stato una rivelazione per questo sport. Non solo è probabilmente uno dei migliori circuiti del calendario attuale – un capolavoro ampio e ondulato progettato dall’architetto tedesco e guru dei circuiti Hermann Tilke – ma l’intero evento ha una fantastica atmosfera da festival. I fan possono accamparsi sul posto e godersi la musica dal vivo di artisti del calibro di Snoop Dogg, The Killers e Muse, oltre a tutte le consuete attrazioni del luna park della F1.

Il COTA ospita anche un round annuale della MotoGP, consolidando ulteriormente il suo status di luogo imperdibile per ogni appassionato di motori che si rispetti.

Poiché gli Stati Uniti ospitano ora due gare del Campionato mondiale di Formula 1 – e si dice che ne arriveranno altre – è giunto il momento di dare un’occhiata ad alcuni dei più importanti accordi di sponsorizzazione della F1 in America.

Quali aziende statunitensi sponsorizzano le squadre di F1?

Oggi, mentre sempre più investitori entrano in gioco, logicamente attirati dalla popolarità e dalla rilevanza della serie, gli sponsor americani della Formula Uno crescono di giorno in giorno. Gli sponsor di lunga data come Coca Cola, Crowd Strike, Monster Energy e Dell Technologies sono forti, mentre i nuovi operatori firmano accordi massicci, come nel caso della title sponsorship di Oracle x Red Bull Racing.

Ecco alcune aziende statunitensi che hanno collaborato con team di F1: CrowdStrike (Aston Martin), Dell Technologies (McLaren), Monster Energy (Mercedes), Oracle (Red Bull Racing), P&G Gillette (Ferrari), Coca Cola (McLaren).

Altre aziende statunitensi che in passato sono state legate alla F1 sono: AT&T (Williams), Bridgestone (Ferrari, McLaren, Red Bull Racing, Williams), FedEx (Ferrari), UPS Direct (Williams).

Perché l’America è così importante per gli sponsor della F1?

L’America è un mercato enorme. Secondo l’International Business Guide, il mercato dei consumatori americani rappresenta ben il 29% del mercato mondiale. È un numero che nessuna azienda globale può ignorare.

L’attuale espansione del campionato di Formula 1 negli Stati Uniti potrebbe rivelarsi vitale per quei marchi, soprattutto non statunitensi, che attualmente sponsorizzano il top delle corse a 4 ruote.

Marchi come K Way (sponsor dell’Alpine F1 Team dal Sudafrica), Tag Heuer (produttore di orologi svizzeri partner della scuderia Red Bull), Petronas (title sponsor della Mercedes AMG F1 Team), Ray Ban (occhiali da sole, Scuderia Ferrari) e molti altri partner hanno un enorme mercato negli Stati Uniti d’America.

Quando la F1 diventerà più popolare negli Stati Uniti, queste aziende cresceranno insieme allo sport.

CrowdStrike è un esempio lampante di questo fatto. L’azienda di sicurezza informatica ha annunciato nel 2019 l’ampliamento della sua partnership con la Red Bull Racing per includere il marchio sull’auto di Max Verstappen, oltre che sulle tute e nei box della squadra. L’azienda è presente anche sul Circuit of The Americas, l’unica sede nordamericana del calendario di F1.

Altre aziende stanno seguendo l’esempio. Pirelli, fornitore di pneumatici per la F1, ha recentemente annunciato la sponsorizzazione del Gran Premio di Miami nel 2022.

È evidente che l’America sta diventando un mercato sempre più importante per gli sponsor della Formula 1. Con la crescente popolarità di questo sport negli Stati Uniti, possiamo aspettarci di vedere ancora più marchi importanti coinvolti nei prossimi anni.

Come sponsorizzare la F1

Fin dagli esordi, nel 1995, RTR Sports marketing ha fornito consulenza alle aziende che desiderano utilizzare la Formula 1 (e la sponsorizzazione di MotoGP, World Superbike e Formula E) per coinvolgere meglio i loro clienti e i loro committenti con una partnership strategica.

Grazie a un’ampia conoscenza dei protagonisti siamo in grado di fornire la soluzione giusta al momento giusto. In qualità di agenzia indipendente di marketing sportivo, abbiamo rapporti costanti con tutti i team, da Aston Martin ad Alpine, da Ferrari ad Alpha Tauri e tutto il resto, e possiamo costruire il pacchetto più rilevante per il vostro marchio e i vostri obiettivi.

Quando contattate RTR, per prima cosa acquisiamo informazioni sulla vostra azienda, sul marchio, prodotti o servizi e sui vostri obiettivi. Sviluppiamo quindi un approccio strategico e mettiamo insieme una proposta con varie opzioni da prendere in considerazione.

Siamo qui per assicurarci che non solo troviate il team o il pilota giusto da supportare, ma anche che il vostro investimento dia un importante ritorno in termini commerciali e di marketing.

Emanuele Venturoli
Emanuele Venturoli
Communication Manager for RTR Sports Marketing. A degree in Communication at the University of Bologna and a passion for sport brought me where I'm today.
Recent Posts

Leave a Comment

Let's get in touch!

Can't find what you're looking for? Send us a quick message and we'll get back to you in minutes.

serena williams
scintille-f1