In Formula 1, Formula1, Sport Sponsorship, Sports Marketing

In  Formula 1  ogni vantaggio competitivo passa attraverso tecnologia e innovazione che giocano un ruolo fondamentale.
Una delle innovazioni che ha rivoluzionato questo sport è il Drag Reduction System, comunemente noto come DRS. In questo articolo approfondiremo le complessità del DRS, la sua storia, il suo funzionamento e il suo impatto sulle gare di Formula 1. Allacciate le cinture mentre esploriamo l’affascinante mondo del DRS e la sua influenza sullo sport automobilistico più veloce del mondo.

Cosa è il DRS in Formula 1. Spiegato in breve.

IL DRS (sistema di riduzione del carico aerodinamico) è il meccanismo che consente di alzare l’alettone posteriore delle monoposto di Formula 1 garantendo così un aumento della velocità e favorendo i sorpassi. L’uso del DRS è limitato ad alcune aree del circuito, dette Zone DRS, e consentito unicamente se la vettura che precede si trova a meno di un secondo.

Le origini del DRS

Il concetto di Drag Reduction System è stato introdotto in Formula 1 nel 2011 come mezzo per migliorare le opportunità di sorpasso e aumentare l’emozione delle gare. Con i progressi aerodinamici delle auto di F1, è diventato sempre più difficile per i piloti sorpassare gli avversari. Come soluzione, la FIA (Fédération Internationale de l’Automobile) ha introdotto il DRS come strumento tattico per livellare il campo di gioco.

dalle-2023-08-01-15.11.33-formula-1-drs

Come funziona il DRS

Il Drag Reduction System è un meccanismo di alettone posteriore mobile incorporato nel design della vettura di Formula 1. Di solito si trova sull’ala posteriore della vettura e la sua funzione è quella di ridurre la resistenza aerodinamica e aumentare la velocità in rettilineo. Il DRS non è disponibile per l’intera gara; il suo utilizzo è regolamentato in zone specifiche della pista ed è consentito solo in determinate condizioni.

Attivazione del DRS

Per attivare il DRS, un pilota che insegue deve trovarsi a meno di un secondo dalla vettura che lo precede quando attraversa un “punto di rilevamento DRS” designato sulla pista. Questo punto è strategicamente posizionato prima della zona di attivazione del DRS. Quando il pilota che insegue soddisfa questa condizione, lo sportello dell’ala posteriore della sua auto si apre, riducendo la resistenza aerodinamica e garantendogli un significativo vantaggio in termini di velocità.

dalle-2023-08-01-15.11.26-formula-1-drs

Zone di attivazione DRS

Le zone di attivazione del DRS sono tratti di pista rettilinei accuratamente scelti dove è più probabile che si verifichino opportunità di sorpasso. Questi tratti seguono tipicamente curve strette, consentendo al pilota che insegue di massimizzare i benefici del DRS sul rettilineo successivo.
La posizione delle zone DRS varia da un circuito all’altro, aggiungendo un elemento di imprevedibilità a ogni gara.

L’arte del sorpasso con il DRS

Sebbene il DRS offra un prezioso vantaggio al pilota che insegue, la padronanza dell’arte del sorpasso con questi sistemi richiede abilità e strategia. Se si utilizza il DRS troppo presto, il tentativo di sorpasso potrebbe fallire, mentre un’attesa troppo lunga potrebbe dare al pilota che si difende l’opportunità di proteggere efficacemente la propria posizione. Di conseguenza, il DRS aggiunge alle gare di Formula 1 un ulteriore livello di emozioni, strategie e momenti da brivido.

Il DRS e il suo impatto sulle gare

Da quando è stato introdotto, il DRS ha avuto un profondo impatto sulle dinamiche delle gare di Formula 1. Questo ha portato a un maggior numero di manovre di sorpasso, all’intensificazione delle battaglie in pista e a un maggiore coinvolgimento degli spettatori. I tifosi di tutto il mondo attendono con ansia l’attivazione delle zone DRS, perché spesso si verificano momenti al cardiopalma e drammi all’ultimo giro che possono decidere l’esito di una gara.

dalle-2023-08-01-15.10.55-formula-1-drs

Controversie

Sebbene il DRS abbia indubbiamente reso le gare di Formula 1 più emozionanti, non è stato esente da controversie. Alcuni puristi sostengono che influisce artificialmente sui risultati delle gare, togliendo purezza alle corse. I critici sostengono che questo sistema pone troppa enfasi sulla velocità in rettilineo e riduce l’importanza dell’abilità del pilota nelle curve.

Il futuro della Formula 1

Mentre la Formula 1 continua a evolversi, le discussioni sul futuro del DRS non cessano. Alcuni propongono ulteriori modifiche ai regolamenti, mentre altri suggeriscono di esplorare tecnologie alternative che potrebbero migliorare i sorpassi senza compromettere l’integrità dello sport. Il dibattito in corso fa sì che l’argomento del DRS rimanga un punto focale nelle conversazioni  sulla Formula 1.

DRS “potente” e differenze fra team e team

Come per tutte le soluzioni tecniche, anche il DRS viene interpretato diversamente a livello di progettualità dalle varie squadre. Ne risultano DRS più “potenti” -ovvero che permettono maggiore acquisto di velocità- e meno potenti, quindi meno efficaci. Nella stagione in corso, quella del 2023, particolarmente potente è il sistema di Red Bull Racing. Anche in quest’area il bolide progettato da Adrian Newey sembra eccellere sulla concorrenza, offrendo risultati strepitosi in quelle (poche, a dir la verità) volte in cui Max Verstappen si trova ad inseguire altre monoposto sui rettilinei.

max verstappen f1 red bull racingConclusione

In conclusione, il Drag Reduction System ha indubbiamente lasciato un segno indelebile nel mondo delle corse di  F1. La sua introduzione nel 2011 ha portato un ulteriore livello di eccitazione e imprevedibilità alle gare, creando momenti indimenticabili per i fan di tutto il mondo. Anche se le controversie riguardano il suo impatto sull’autenticità delle corse, è innegabile che il DRS sia riuscito ad aumentare le opportunità di sorpasso e a migliorare lo spettacolo complessivo delle corse. Mentre la Formula 1 continua a spingersi oltre i confini della tecnologia e dell’innovazione, il futuro del DRS rimane un argomento intrigante da tenere d’occhio, in quanto continua a plasmare le dinamiche di uno degli sport motoristici più emozionanti del pianeta.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Silvia Schweiger
Silvia Schweiger
Direttore Associato, Marketing Esecutivo e Commerciale di RTR Sports Marketing, una società di marketing sportivo con sede a Londra, specializzata in sport motoristici da oltre 25 anni.
Recent Posts

Leave a Comment

Driver sponsorship
Che cos’è il DRS in Formula 1 e a cosa serve?, RTR Sports