In Formula E, Formula E


La Formula E
è l’ultima iterazione del motorsport, che diventerà ufficialmente un campionato FIA nel 2020. Si tratta di una serie mondiale che prevede gare in alcune delle “città più progressiste” del mondo. La Formula E è incentrata su questa idea di “progressività” e il suo concetto principale è quello di combinare l’emozione di una gara automobilistica con la corsa cruciale che stiamo facendo per salvare il nostro pianeta. La rapida crescita della Formula Edalla stagione inaugurale del 2014-15 arriva in un momento in cui le emissioni di carbonio stanno raggiungendo livelli preoccupanti e mettono ulteriormente a rischio l’ambiente. Nel 2020, la combustione di combustibili fossili ha contribuito da sola a 34,81 miliardi di tonnellate di emissioni globali di carbonio.[i]

Nonostante un calo causato dalla crisi del COVID-19, queste cifre sono ora di nuovo in aumento. In risposta a ciò, molti operatori del settore automobilistico hanno giudicato inaccettabile la combustione di combustibili fossili in Formula 1. Nel 2019, l’impronta di carbonio della Formula 1è stata stimata in 256.511 tonnellate. Per questo motivo, i funzionari della F1 hanno promesso che lo sport raggiungerà un’impronta di carbonio pari a zero entro il 2030.[ii] Ciò comporterà, tra le altre misure, la riduzione del trasporto di merci alle gare, il trasporto di un minor numero di persone agli eventi e l’interruzione dell’uso della benzina. La benzina per le auto di F1 è attualmente composta per il 90% da carburante fossile e per il 10% da etanolo rinnovabile, ma i funzionari hanno fissato l’obiettivo di far funzionare le auto con carburante completamente rinnovabile entro il 2025.

Se i funzionari della Formula 1 ammettono che questi obiettivi sono “molto ambiziosi”, i più scettici tra noi potrebbero dubitare della loro capacità di raggiungerli. Questo ha aperto un varco nel settore degli sport motoristici per un motorsport verde, che offra soluzioni ecologiche ora piuttosto che tra un paio d’anni. Questa soluzione è arrivata sotto forma di Formula E, che cerca di accelerare il passaggio alla mobilità elettrica mostrando il potenziale della tecnologia automobilistica elettrica. Le auto vengono costantemente perfezionate per renderle più sostenibili e gli eventi sono organizzati con cura in modo da avere un impatto minore sul clima.

Naturalmente, investire nella Formula 1 potrebbe essere ancora più interessante grazie agli alti indici di ascolto di questo sport, ma la Formula E è in ascesa. Inoltre, il fatto che Liberty Media (proprietari della F1) detenga una partecipazione in FE dimostra il potenziale di crescita della Formula E e della Formula 1 in tandem. Non ci si può aspettare che la Formula E prenda il sopravvento sulla Formula 1, ma ha certamente il potenziale per espandersi al di sotto della F1 e offrire una sana concorrenza. La partecipazione di Liberty Media evidenzia questo potenziale. Partecipare a questa iniziativa, che è ancora relativamente nuova, potrebbe presto dare grandi frutti, dato che la tecnologia utilizzata nella Formula E sta diventando sempre più entusiasmante. Collaborare con la Formula E significa collaborare con il nostro futuro e il suo status di unico sport a “zero emissioni di carbonio” significa che gli investimenti contribuiscono anche ad affrontare il disastro causato dall’uomo che è il cambiamento climatico. Questo post illustra i motivi per cui dovreste prendere in considerazione la possibilità di collaborare con questo entusiasmante sport motoristico.

La base di supporto sta crescendo rapidamente e c’è ancora molto spazio per un’ulteriore crescita in altri mercati.


La Formula E
sta registrando una crescita massiccia degli ascolti grazie a nuovi accordi con i media nei mercati chiave. Le gare vengono trasmesse dai canali televisivi di grandi paesi come Indonesia, Stati Uniti e paesi dell’Europa centrale come Italia, Regno Unito, Germania ecc. Il risultato è stato una crescita impressionante dalla Stagione 6 alla Stagione 7. Ad esempio, l’audience cumulativa in Indonesia e in Germania è aumentata rispettivamente del 147% e del 338%.

Ciò che rende la Formula E molto interessante come partner, tuttavia, sono i chiari passi successivi per aumentare queste cifre. Questi mercati hanno registrato una crescita nonostante non tutte le gare siano trasmesse in televisione e molti degli accordi televisivi abbiano riguardato la Formula E trasmessa su canali minori. Ad esempio, 8 gare sono state trasmesse nel Regno Unito su canali come BBC2, Channel 4 e Quest. Il mercato britannico ha comunque registrato un aumento del 156% dell’audience cumulativa dalla sesta alla settima stagione. Con la crescita della Formula E e la trasmissione di un maggior numero di gare sui principali canali televisivi, ci si può aspettare una crescita ancora maggiore.

Inoltre, c’è ancora spazio per il miglioramento del prodotto per contribuire a migliorare le cifre nei mercati più deboli. L’audience asiatica della Formula E ha subito un impatto negativo a causa del fallimento della Fox e sono state prese iniziative per rimediare: sono stati assicurati nuovi partner di trasmissione in India. Inoltre, si spera che il ritorno delle gare asiatiche nella Stagione 8 possa incrementare le cifre in altri grandi paesi asiatici come la Cina.

La crescita e il potenziale di ulteriore crescita rendono la Formula E un’opportunità interessante per gli investitori. Se si compiono i passi giusti, la Formula E potrebbe presto avere un pubblico globale e iniziare a rivaleggiare con altri sport motoristici popolari come
Formula 1
e la MotoGP.

La Formula E è la forma più sostenibile ed ecologica di motorsport

Poiché le aziende cercano di modernizzare i metodi e di attrezzarsi per il futuro, sarebbe saggio allinearsi con uno sport come la Formula E che promuove la sostenibilità e l’innovazione. La Formula E è incentrata sull’obiettivo di contribuire a ridurre i sottoprodotti negativi degli sport motoristici, e le misure adottate per raggiungere questo obiettivo sono incredibili. Tutti i telai delle auto vengono riciclati e danno una nuova vita quando non sono più necessari. Inoltre, vengono utilizzati i metodi di trasporto più efficienti, con i biocarburanti comunemente impiegati per il trasporto stradale e marittimo. L’aspetto più impressionante è che le auto sono in grado di contribuire a organizzare una gara divertente emettendo pochissime emissioni di carbonio grazie all’utilizzo di batterie per alimentare i motori, in contrasto con la benzina utilizzata nella Formula 1. Complessivamente, nella Stagione 7 sono state emesse solo 19.600 tonnellate di carbonio, e si sta lavorando per ridurre questa cifra.[iii]

La sostenibilità della Formula E la rende una piattaforma perfetta per prodotti nuovi e moderni. DHL, partner logistico della Formula E, ha utilizzato questa piattaforma per presentare un drone che potrebbe essere il “futuro della consegna dei pacchi”. Allo stesso modo, Nissan ha stretto una partnership con la Formula E nell’ambito dell’impegno per le emissioni zero e ha allestito esperienze VR durante le gare, in modo che i fan possano sperimentare come ci si sente a guidare un’auto di Formula E. Questi esempi sottolineano il potenziale di una partnership con uno sport orientato al futuro e all’innovazione.

Utile per la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie

La natura moderna della Formula E e delle sue vetture la rende perfetta per le aziende che vogliono testare nuove tecnologie. Poiché gli studi prevedono che i veicoli elettrificati costituiranno il 50% di tutti i veicoli entro il 2030, è fondamentale che le aziende trovino il modo di innovare e rinnovare i prodotti in modo che siano pronti per il futuro.[iv] Shell utilizza la Formula E come campo di addestramento per la nuova tecnologia delle batterie, in quanto sta testando fluidi che aiutano a preservare e migliorare le prestazioni delle batterie delle auto. La loro ricerca contribuirà a migliorare la qualità non solo delle auto di Formula E, ma anche delle normali auto da strada e di altri prodotti non sostenibili.

Le auto della Formula E stanno anche mostrando una tecnologia mai vista prima, come dimostra il passaggio alle auto da corsa Gen3 nella Stagione 9. L’auto Gen3 è descritta come “l’auto da corsa più efficiente del mondo”, con un motore elettrico in grado di produrre 350 kW di potenza e una velocità massima di 200 miglia orarie. Con Porsche, Nissan, DS Automobiles, NIO 333, Mahindra, Maserati e Jaguar che si sono già iscritte a questa nuova era della Formula E, la Gen3 vedrà certamente lo sport spinto verso nuove vette. La competitività tra alcuni dei più grandi costruttori del mondo favorirà l’innovazione, rendendo la collaborazione con la Formula E un’occasione da non perdere.

L’imprevedibilità rende la Formula E uno spettacolo emozionante

Un fattore che ha limitato la competitività in altri sport motoristici è la storia di questi sport e le tradizioni che ne derivano. Questo ha permesso il dominio di alcuni piloti e squadre che abbiamo visto in Formula 1 e nella MotoGP. Le grandi squadre sono in grado di rendere i loro veicoli più competitivi rispetto a quelli delle squadre più deboli. I consumatori in genere non amano i cambiamenti, rendendo difficile per i funzionari bilanciare la bilancia e creare un campo di gioco più equo. D’altra parte, il fatto che la Formula E sia nuova rende più facile creare un’aria di imprevedibilità.

Le auto della Formula E sono tutte molto simili tra loro e i costruttori devono attenersi a rigidi regolamenti per lo sviluppo delle vetture. Il telaio, la batteria, l’aerodinamica, i pneumatici e i fondamentali devono rimanere gli stessi per tutte le auto. Questo sfida i produttori a trovare modi unici per ottenere un vantaggio: il software e la geometria della vettura vengono spesso modificati per cercare di aumentare le possibilità di vittoria. Questa mancanza di spazio per le modifiche alle vetture pone molta enfasi sulle strategie dei piloti, con la Formula E paragonata a una partita di scacchi ad alta velocità. Le gare di Formula E sono entusiasmanti, con piloti in testa fino all’ultimo giro e la maggior parte delle gare con vincitori diversi. Lo dimostra il fatto che gli ultimi 8 campionati sono stati vinti da 7 piloti diversi.

L’imprevedibilità della Formula E contribuisce al contrasto con la Formula 1 e può aiutare questo sport a diventare più attraente per i nuovi spettatori che cercano gare più combattute con risultati più casuali. L’incertezza genera eccitazione.

La Formula E è interattiva per i fan

Il fatto che le auto di Formula E siano alimentate dall’energia elettrica apre molte possibilità di caratteristiche innovative e divertenti per le gare. Il “Fanboost” è stato introdotto nella stagione 2018/19 e consente agli spettatori di votare il proprio pilota preferito utilizzando hashtag sulle più diffuse piattaforme di social media, e il pilota più popolare riceve un “power boost”. Le gare di Formula E includono anche una funzione chiamata “Attack Mode”, ovvero un aumento di potenza che può essere attivato se i piloti attraversano una zona di attivazione. Questo crea una sfaccettatura interessante per una gara di Formula E, mai vista prima in altri sport. Mentre il “Fanboost” offre ai fan la possibilità di sentirsi coinvolti nelle gare e di creare un legame con i loro piloti preferiti.

Queste caratteristiche dimostrano i modi in cui la Formula E può essere innovata per attrarre potenzialmente gli spettatori più giovani che non si avvicinano agli sport motoristici. Questo avviene in un momento in cui la serie “Drive to Survive” della F1 su Netflix mostra la necessità per lo sport di trovare nuovi modi per attirare i giovani spettatori in quest’epoca guidata dai social media. La Formula E può utilizzare il suo nucleo tecnologico per diventare un precursore di nuove funzionalità nello sport.

La Formula 1 e la Formula E sono entrambe ottime opzioni con cui collaborare. La Formula 1 offre ovviamente una storia ricca e un pubblico più vasto, ma la Formula E ha una nicchia interessante. Offre un’alternativa più moderna e, sebbene possa essere difficile attirare i fan più accaniti della F1 verso la FE, la sostenibilità di questo sport e la sua tecnologia avanzata gli danno un vantaggio nella corsa per diventare pronto per il futuro. Sarebbe saggio considerare la possibilità di collaborare con FE e di beneficiare della sua piattaforma unica, che promuove nuove idee e metodi più sicuri per il nostro pianeta.


[Progetto globale sul carbonio ( 2021)

[ii] Strategia di sostenibilità della Formula 1 (2019)

[iii] Politica di sostenibilità della Formula E

[iv] Studio 2018 di IHS Markit

Recent Posts

Leave a Comment

Calendario FIA Formula E
Formula E