In Formula 1, Formula1, Sport Sponsorship, Sports Marketing

Analizzare le tendenze della sponsorizzazione degli sport motoristici è un compito fondamentale per i professionisti del marketing.
Fornisce preziose indicazioni sul panorama in continua evoluzione del settore e guida il processo decisionale. Gli accordi di sponsorizzazione negli sport motoristici rappresentano investimenti significativi e le loro tendenze possono influenzare profondamente la pianificazione strategica sia dei team/campionati che dei marchi sponsor. In sostanza, la comprensione di queste tendenze non solo aiuta a ottimizzare il ritorno sugli investimenti, ma migliora anche l’efficacia delle campagne di marketing.

Da contratti lunghi a contratti più brevi

Una tendenza chiave nella sponsorizzazione degli sport motoristici è il passaggio a contratti di durata inferiore. Tradizionalmente, i marchi si impegnano a stipulare accordi di oltre 5 anni, garantendo una partnership a lungo termine. Tuttavia, il panorama ha visto uno spostamento verso accordi più brevi, di 1-2 anni. Ciò offre ai marchi una maggiore flessibilità per adattarsi e rispondere alle mutevoli dinamiche del mercato e alle preferenze dei fan. Tuttavia, questo comporta un elemento di instabilità per lesquadre e i campionati, che devono costantemente cercare nuove collaborazioni.

Gli accordi più brevi consentono ai marchi di riorientare i budget in modo più agile, ma rendono difficile per i team pianificare gli anni a venire a causa dell’incertezza dei finanziamenti.

aston martin f1

Tutto sul digitale

L’emergere di marchi tecnologici/digitali negli sport motoristici rappresenta un’altra tendenza chiave. L’influenza della tecnologia in ogni aspetto della nostra vita ha visto i marchi digitali espandersi in nuovi spazi di marketing, tra cui il motorsport. Questa tendenza porta nuove opportunità, come lo sfruttamento della potenza dei dati e del coinvolgimento digitale, ma presenta anche una maggiore concorrenza per gli sponsor tradizionali. L’infusione di tecnologia negli sport motoristici, come la collaborazione di Mercedes-Benz con Dolby Laboratories per la tecnologia Dolby Atmos, sottolinea questa tendenza.

L’adozione da parte degli sport motoristici di tecnologie avanzate come l ‘intelligenza artificiale, la VR e l’analisi dei big data crea spazio per nuovi partner tecnologici, lasciando indietro i marchi che non sono in grado di adattarsi.

Attivazione vs. esposizione del marchio

Il passaggio all’attivazione rispetto alla semplice esposizione del marchio è un’evoluzione cruciale nella sponsorizzazione degli sport motoristici. Oggi i marchi cercano di coinvolgere maggiormente i fan attraverso i social media, il marketing esperienziale e la creazione di contenuti. L’attenzione non si concentra più solo sulla presenza del logo, ma sulla creazione di connessioni significative con i fan. Ad esempio, gli accordi di sponsorizzazione di successo nel 2023 vanno al di là della semplice sensibilizzazione e privilegiano la facilitazione delle connessioni tra le aziende e il loro pubblico di riferimento. Questa tendenza offre ai marchi una piattaforma per mostrare in modo creativo i prodotti e coinvolgere i clienti, ma alza anche la posta in gioco per i team che devono garantire un ROI che vada oltre i loghi sulle auto.

Sostenibilità

La crescente enfasi sulla sostenibilità ambientale è un’altra tendenza che influisce sugli accordi di sponsorizzazione. Gli sport motoristici, in particolare le serie come la Formula E, hanno investito molto in iniziative ecologiche. Gli accordi di sponsorizzazione si stanno evolvendo di conseguenza, con i marchi che si allineano sempre di più con gli sport motoristici sostenibili e sfruttano queste partnership per mostrare le proprie iniziative ecologiche. Con il cambiamento climatico in aumento in tutto il mondo, gli sponsor vogliono utilizzare gli accordi di gara per evidenziare le pratiche eco-consapevoli e per entrare in contatto con i fan attenti all’ambiente.

Sponsorizzazione della Formula 1Aumento dei costi

I costi delle sponsorizzazioni negli sport motoristici, in particolare in Formula Uno stanno aumentando in modo esponenziale. Con il mercato globale degli sport motoristici che dovrebbe raggiungere i 7,47 miliardi di dollari entro il 2028, la posta in gioco è alta.
L’aumento dei costi degli accordi top ha un impatto significativo sul panorama delle sponsorizzazioni, e solo i marchi globali di maggior successo sono in grado di assicurarsi partnership di questo livello. Ad esempio, Oracle ha recentemente firmato un accordo quinquennale con Red Bull Racing per oltre 500 milioni di dollari. Con l’aumento dei prezzi, molti marchi sono esclusi dalle offerte top.

Prendendo esempio da varie serie motoristiche come la F1,,MotoGP, Formula E, WEC, IndyCar, ecc. le tendenze citate diventano evidenti. Gli accordi in F1 riflettono il passaggio a grandi partner tecnologici come Amazon Web Services che si uniscono alla griglia di partenza. Gli accordi per la MotoGP evidenziano il desiderio di creare contenuti ed esperienze per i fan, come l’attivazione della kid zone di Monster Energy. Le partnership della Formula E evidenziano le iniziative di sostenibilità che promuovono gli ecovalori. In tutte le serie di punta, i costi sono in aumento e richiedono una maggiore attivazione da parte dei marchi per ottenere valore e ritorno sugli investimenti positivo.

In conclusione

Queste tendenze hanno implicazioni di vasta portata per i marchi e le squadre/campionati. Per i marchi, il passaggio all’attivazione e a contratti più brevi richiede una strategia di marketing più dinamica e reattiva. I brand devono concentrarsi sulla creazione di narrazioni avvincenti e su un coinvolgimento significativo dei fan attraverso contenuti ed esperienze, non solo mostrando i loghi. Devono inoltre prevedere una certa flessibilità nel riorientare i budget. Per i team/leghe, adattarsi a questo panorama significa abbracciare le capacità digitali, mostrare i progressi della sostenibilità e offrire ai marchi diverse opportunità di attivazione. Con l’aumento dei costi, i titolari dei diritti devono dimostrare chiaramente ai loro partner che sono in grado di generare un ritorno tangibile che vada oltre l’esposizione del marchio.

In definitiva, le partnership di successo negli sport motoristici richiedono la creazione di valore per tutte le parti interessate: sponsor, team e, soprattutto, tifosi. Nel panorama odierno, ciò significa che i marchi coinvolgono il pubblico attraverso contenuti ed esperienze, non solo attraverso l’awareness. Significa che i team sfruttano i dati, le piattaforme digitali e le iniziative di sostenibilità per attirare i partner. E significa mettere i fan al centro di ogni attivazione. I marchi che comprendono queste tendenze in evoluzione nella sponsorizzazione degli sport motoristici, e che adattano le partnership di conseguenza, saranno nella posizione migliore per massimizzare il ROI e far progredire lo sport.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Riccardo Tafà
Riccardo Tafà
Managing Director di RTR Sports, Riccardo si è laurea in giurisprudenza all'Università di Bologna. Inizia la sua carriera a Londra nelle relazioni pubbliche, poi si sposta nel settore delle due e quattro ruote. Si trasferisce brevemente a Monaco prima di tornare in Italia. Lì fonda RTR, prima una società di consulenza e poi un'azienda di marketing sportivo che, alla fine, trova una nuova e definitiva sede a Londra.
Recent Posts

Leave a Comment

Formula E Sponsorship
2024 Formula E calendar