In Formula 1, Formula1

Se si dovesse distillare l’essenza della vittoria in un singolo atto, sarebbe probabilmente lo spruzzo di champagne sul podio. Simbolo di gioia, successo e opulenza, lo stappare lo champagne al termine di una gara estenuante fa parte della tradizione degli sport motoristici tanto quanto la bandiera a scacchi. Questo rituale tacito unisce l’emozionante mondo degli sport motoristici al fascino lussuoso dell’industria dello champagne, creando un rapporto simbiotico che intreccia la vittoria con l’effervescenza. Questa sinergia costituisce la spina dorsale del mio confronto tra i festeggiamenti negli sport motoristici e in altri eventi sportivi, con particolare attenzione alla storia, al significato e al ruolo delle sponsorizzazioni dello champagne in
Formula 1
e MotoGP
.

ferrari f1 champagneChampagne e sport motoristici: come è iniziata la storia

Il matrimonio tra sport motoristici e champagne è stato forgiato nel cuore della 24 Ore di Le Mans del 1967. Il vincitore, il pilota americano Dan Gurney, spruzzò impulsivamente la folla e i suoi compagni di gara con una bottiglia di Moët et Chandon, introducendo un rituale che sarebbe diventato parte indelebile del DNA del motorsport. Da quel gesto spontaneo di gioia, l’immagine dei piloti vittoriosi che inondano di champagne se stessi e le loro squadre è diventata un appuntamento fisso sui podi di tutto il mondo, dalla Formula 1 alla MotoGP.

Per capire il significato dello champagne negli sport motoristici, dobbiamo approfondire i meccanismi di marketing che stanno alla base di questa partnership. Lo champagne è il lusso in persona, un simbolo di esclusività e di risultati sportivi. Collegando il marchio all’adrenalinico mondo delle corse, le case di champagne non solo si allineano al prestigio e all’emozione della vittoria, ma rafforzano anche la loro immagine di lusso e raffinatezza.

Prendiamo, ad esempio, il caso di Mumm, la maison di champagne che ha avuto una lunga collaborazione con la Formula 1. Nel corso degli anni, il caratteristico nastro rosso di Mumm è diventato un simbolo del rituale celebrativo, rafforzando l’immagine del marchio come champagne della vittoria e della raffinatezza. Questa sponsorizzazione di alto profilo ha fornito a Mumm una piattaforma globale, associando il marchio al brivido, al glamour e al prestigio della Formula 1.

Sponsorizzazione Motogp La sponsorizzazione Ferrari… sul podio

Tuttavia, le dinamiche del marketing sportivo sono in continua evoluzione. Con l’evoluzione della sensibilità globale, le considerazioni sulla salute e la crescente influenza dei social media, il mondo delle sponsorizzazioni sportive sta diventando sempre più complesso.
Il mondo degli sport motoristici non fa eccezione.
Uno dei recenti ingressi in questa celebrazione dello champagne è la Ferrari, non la famosa casa automobilistica italiana, ma l’azienda vinicola di lusso italiana.
Hanno preso il posto di Mumm come fornitore ufficiale di champagne per la Formula 1.
Una svolta affascinante, data la natura sinonimica del marchio automobilistico Ferrari e delle corse di F1.
Si tratta di un colpo di marketing che unisce senza sforzo la grandezza dell’enologia italiana al mondo elitario della Formula 1.

Questo è il contrasto con le celebrazioni di altri sport, che di solito non hanno questo livello di grandezza.
Dalle docce di Gatorade nel football americano alla tradizione del latte nella Indy 500, hanno un significato culturale o storico ma non hanno il fascino universale dello champagne. Queste celebrazioni sono più radicate, legate alle radici e alla tradizione dello sport piuttosto che proiettare un’immagine di opulenza.

Nel MotoGP, la celebrazione ha un tocco unico: al posto dello champagne, viene spruzzato il Prosecco, un vino frizzante proveniente dalla regione italiana del Veneto.
La natura frizzante, leggera e festosa del Prosecco risuona con lo spirito della MotoGP, uno sport definito dall’energia ad alto numero di ottani, dalla competizione feroce e dalla passione dei tifosi.

Nonostante le variazioni, ciò che rimane costante in tutte queste celebrazioni è il legame emotivo che creano con i fan.
Si attinge al desiderio umano universale di condividere la gioia della vittoria, facendo sentire gli spettatori partecipi della vittoria stessa. Il coinvolgimento dei fan è il Santo Graal del marketing sportivo.

Un mix di lusso e passione

A mio avviso, le sponsorizzazioni dello champagne in Formula 1 e in MotoGP rappresentano il perfetto connubio tra spettacolo, branding e coinvolgimento emotivo.
L’atto simbolico di spruzzare lo champagne non solo amplifica la gioia della vittoria, ma posiziona anche il marchio sponsor al centro di questo climax emotivo.
Questa tradizione, intrisa di lusso e vittoria, si allinea perfettamente con l’immagine dei marchi, consentendo loro di entrare in contatto con un pubblico globale a livello viscerale.

In conclusione, anche se i rituali variano da uno sport all’altro, l’obiettivo finale rimane lo stesso: creare momenti indimenticabili che coinvolgano i fan e proiettino un’immagine positiva del marchio. Che si tratti di champagne in Formula 1, di Prosecco nel MotoGP o di docce di Gatorade nella NFL, questi rituali sono più che semplici celebrazioni: sono potenti strumenti di marketing che fondono il brivido dello sport con l’arte del brand storytelling.

Vuoi firmare il tuo migliore accordo di sponsorizzazione?

Silvia Schweiger
Silvia Schweiger
Direttore Associato, Marketing Esecutivo e Commerciale di RTR Sports Marketing, una società di marketing sportivo con sede a Londra, specializzata in sport motoristici da oltre 25 anni.
Recent Posts

Leave a Comment

las vegas F1
f1 sponsorship